Epatite A

Epatite A

L’epatite A è una malattia infettiva di origine virale, causata dal virus HAV appartenente al genere Hepatovirus.

A differenza dell'epatite B e C, l'epatite A non causa malattie epatiche croniche ed è raramente fatale, ma può causare sintomi debilitanti e in casi gravi epatite fulminante (insufficienza epatica acuta), che tipicamente porta alla morte.

CAUSE

Il virus dell’epatite A, HAV, è un virus a RNA senza involucro classificato come picornavirus. Fu isolato per la prima volta nel 1979. Gli esseri umani sono il suo unico ospite naturale, sebbene diversi primati non umani siano stati infettati in condizioni di laboratorio.

TRASMISSIONE

L'HAV viene acquisito per via orale (attraverso la trasmissione fecale-orale), quando una persona non infetta ingerisce cibo o acqua contaminata con le feci di una persona infetta, e si replica nel fegato. I focolai di origine acquosa, sebbene rari, sono solitamente associati ad acqua contaminata o trattata in modo inadeguato.

Dopo 10-12 giorni, il virus è presente nel sangue ed è escreto attraverso il sistema biliare nelle feci. Il picco dei titoli si verifica durante le due settimane prima dell'inizio della malattia. Sebbene il virus sia presente nel siero, la sua concentrazione è di diversi ordini di grandezza inferiore a quella delle feci.  La maggior parte delle persone infette non espelle più il virus nelle feci entro la terza settimana di malattia. I bambini possono espellere il virus più a lungo degli adulti.

Il virus può anche essere trasmesso attraverso uno stretto contatto fisico (come il sesso orale-anale) con una persona infetta, mentre il contatto casuale tra le persone non diffonda il virus.

La trasmissione avviene anche in via indiretta: infatti, sono stati registrati moltissimi casi di trasmissione attraverso l’ingestione di acqua o cibi contaminati, soprattutto crudi come ad esempio i molluschi.

DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA

Complessivamente, l'OMS ha stimato che nel 2016 7134 persone sono morte di epatite A in tutto il mondo (pari allo 0,5% della mortalità dovuta a epatite virale).

L’epatite A è diffusa in tutto il mondo. In alcuni paesi le condizioni igienico-sanitarie precarie, il malfunzionamento degli impianti fognari e l’accesso difficoltoso all’acqua potabile sono tra le principali cause di infezione. Negli ultimi anni, nei paesi occidentali e nelle zone industrializzate si sta verificando un incremento di trasmissione sintomatica del virus.

L'HAV è comune nelle aree con servizi igienici inadeguati e accesso limitato all'acqua pulita. In aree altamente endemiche (come parti dell'Africa e dell'Asia), un'ampia percentuale di adulti nella popolazione è immune all'HAV e le epidemie di epatite A sono rare. Nelle aree di endemicità intermedia (come l'America centrale e meridionale, l'Europa orientale e parti dell'Asia), la trasmissione infantile è meno frequente, più adolescenti e adulti sono suscettibili alle infezioni e le epidemie sono più probabili. Nelle aree a bassa endemicità (come gli Stati Uniti e l'Europa occidentale), l'infezione è meno comune, ma la malattia si verifica tra le persone nei gruppi ad alto rischio, viaggiatori e come focolai a livello di comunità.

L'epatite A è tra le più comuni infezioni prevenibili con il vaccino acquisite durante i viaggi. Casi di epatite A correlata al viaggio possono verificarsi maggiormente per coloro che vivono o visitano le aree rurali, o mangiano o bevono frequentemente in ambienti con scarsa igiene e sovraffollati, come le grandi capitali.


Distribuzione geografica epatite a

SINTOMI

Il periodo di incubazione dell'epatite A è di circa 28 giorni, ma può variare tra 15 e 50 giorni.

Il decorso clinico dell'epatite acuta A è indistinguibile da quello di altri tipi di epatite virale acuta. La malattia ha tipicamente un inizio improvviso di febbre, malessere, anoressia, nausea, disturbi addominali, urine scure e ittero. La malattia clinica di solito non dura più di 2 mesi, sebbene il 10% -15% delle persone abbia segni e sintomi prolungati o recidivanti fino a 6 mesi.

Il virus può essere escreto durante una ricaduta. La probabilità di una malattia sintomatica da infezione da HAV è direttamente correlata all'età. Nei bambini di età inferiore ai 6 anni, la maggior parte (70%) delle infezioni è asintomatica. Nei bambini più grandi e negli adulti, l'infezione è solitamente sintomatica, con ittero che si verifica in oltre il 70% dei pazienti.

Le manifestazioni cliniche gravi dell'infezione da epatite A sono rare, tuttavia possono verificarsi complicazioni atipiche, comprese manifestazioni extraepatiche immunologiche, neurologiche, ematologiche, pancreatiche e renali. Sono state inoltre segnalate epatite recidivante, epatite A colestatica, epatite autoimmune scatenante epatite A, epatite sub-fulminante ed epatite fulminante. L'epatite fulminante è la complicanza rara più grave, con stime di mortalità fino all'80%. Nell'era prevaccino, l'epatite A fulminante causava circa 100 decessi all'anno negli Stati Uniti. Il tasso di mortalità per l'epatite A tra persone di tutte le età con casi segnalati è stato di circa lo 0,3% ma potrebbe essere stato più alto tra le persone anziane (circa il 2% tra le persone di età pari o superiore a 40 anni). Le stime più recenti di mortalità per casi variano dallo 0,3% -0,6% per tutte le età e fino all'1,8% tra gli adulti di età> 50 anni.

La vaccinazione dei gruppi ad alto rischio e le misure di salute pubblica hanno ridotto significativamente il numero di casi complessivi di epatite A e casi fulminanti di HAV. Tuttavia, l'epatite A provoca una morbilità sostanziale.

DIAGNOSI

Per confermare la diagnosi di infezione da Epatite A è necessario l’esame ematico con la ricerca degli anticorpi dell'immunoglobuline G (IgM) specifici per l'HAV o i test PCR per rilevare l'RNA del virus.

TRATTAMENTO

Non esiste un trattamento specifico per l'epatite A. Il recupero dai sintomi dopo l'infezione può essere lento e può richiedere diverse settimane.

L’assistenza medica ha lo scopo di mantenere il benessere clinico, inclusa la sostituzione dei liquidi persi a causa di vomito e diarrea. Quindi la cura si basa sul trattamento dei sintomi e il supporto delle funzioni vitali.

PREVENZIONE

Per contrastare la diffusione planetaria del virus dell'epatite A e il possibile contagio, la strada più sicura è quella della vaccinazione. Tale vaccinazione si può effettuare sia su adulti che su bambini.

Tutte le persone che viaggiano per qualsiasi scopo, frequenza o durata in paesi con endemicità HAV alta o intermedia devono essere vaccinate. Molti medici esperti in Medicina Internazionale e dei Viaggi ritengono che tutti i viaggiatori dovrebbero essere formati sui rischi dell’epatite A e avere l'opportunità di vaccinarsi.

Oltre alla vaccinazione, anche il comportamento alimentare può contribuire alla riduzione del rischio per HAV, insieme ad un corretto lavaggio delle mani prima della manipolazione dei cibi. Servizi igienico-sanitari migliori, sicurezza alimentare e immunizzazione sono I cardini più efficaci per contrastare il contagio da epatite A.

Cibo crudo
Il cibo crudo dovrebbe generalmente essere evitato. Frutta o verdura crude possono essere sicure se puoi sbucciate da te stesso o lavate in acqua sicura (imbottigliata o disinfettata). Evita i piatti di frutta o verdura tagliata. Evita anche le salse fresche o altri condimenti a base di frutta o verdura cruda. La carne o i frutti di mare crudi possono essere ad alto rischio di contaminazione.

Cibo di strada
Se si consuma cibo da strada, applica le stesse regole degli altri cibi; ad esempio, prediligi cibi cotti direttamente al momento. 

Acqua di rubinetto
Nella maggior parte dei paesi a basse risorse, l'acqua del rubinetto probabilmente non dovrebbe essere bevuta, nemmeno nelle città. Ciò include l'ingestione di acqua durante la doccia o lo spazzolamento dei denti. In alcune zone può essere consigliabile lavarsi i denti con acqua in bottiglia. L'acqua del rubinetto può essere disinfettata bollendola, filtrandola o trattandola chimicamente, ad esempio con specifici prodotti a base di cloro. Da evitare anche il ghiaccio, che probabilmente era fatto con l'acqua del rubinetto.

Succo appena spremuto
Se hai lavato la frutta in acqua potabile e hai spremuto il succo da solo, può essere considerato sicuro. Il succo spremuto da mani sconosciute può essere rischioso. Lo stesso vale per i ghiaccioli e altre prelibatezze a base di succo appena spremuto.

Una raccomandazione fondamentale per tutti i viaggiatori che si recano in zone a rischio è evitare il consumo di cibo crudo e di bevande con ghiaccio o latte non pastorizzato.

Fonti:

epicentro.iss.it/epatite/epatite-a

cdc.gov/hepatitis/hav/index.htm


Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT