Cos'è il Fungo Nero che sta colpendo l'india

Data pubblicazione: 25/05/2021 - Ultimo aggiornamento: 23/07/2021
Categoria: Alert sanitari - Autore: Staff Ambimed

Cos

Il governo indiano ha allarmato tutti i dipartimenti di notificare i casi di infezione fungina - nota anche come "fungo nero" - che sta colpendo i pazienti Covid-19 ospedalizzati, portando a morbilità prolungata e decesso.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), la mucormicosi è un'infezione fungina "grave ma rara" causata da un gruppo di muffe chiamate mucormiceti. I primi sintomi possono includere gonfiore del viso su un lato, congestione nasale, lesioni nere sul naso o all'interno della bocca. Può anche diffondersi agli occhi, ai polmoni e al cervello e provocare coma o addirittura la morte. Le infezioni da mucormicosi si verificano quando una persona entra in contatto con spore fungine nell'ambiente ed è probabile che i pazienti con Covid-19 trattati con immunosoppressori come gli steroidi siano più vulnerabili a tale infezione.

All'inizio di questo mese, gli ospedali di tutta l'India, già sotto stress da una seconda ondata devastante della pandemia, hanno iniziato a segnalare un aumento dei pazienti ricoverati per Covid-19, o che si sono recentemente ripresi da esso, colpiti dall'infezione fungina. La scorsa settimana, un membro della task force indiana Covid-19, il dottor Randeep Guleria, ha avvertito che la mucormicosi associata a Covid potrebbe essere collegata all' uso di steroidi nel trattamento del Covid-19.  Il ministro della Sanità del Maharashtra, lo stato finora più colpito dalla pandemia, ha detto che la scorsa settimana ci sono stati 1.500 casi di mucormicosi, causando 90 vittime. I funzionari dello stato del Gujarat hanno detto che nell'ultimo mese sono stati assistiti quasi 900 casi di funghi neri nello stato. L'aumento dei casi di mucormicosi ha causato una carenza del farmaco antifungino critico Amfotericina B.

Ad oggi, sono più di 300.000 le vittime per Covid-19 che sono state segnalate in India, secondo i dati ufficiali. Tuttavia, gli esperti ritengono che questo numero rappresenti un'importante sottostima. Il paese non ha riportato alcuna statistica sui decessi correlati alla mucormicosi e non è chiaro se i pazienti con Covid-19 che muoiono a causa dell'infezione fungina vengano segnalati come decessi da coronavirus.

FORBES

 

AGGIORNAMENTO 01/07/2021

L'India ha segnalato fin'ora oltre 40.845 casi di mucormicosi o fungo nero.

Secondo i dati del governo, 31.344 dei casi totali sono di natura rinocerebrale. La mucormicosi rinocerebrale è una rara infezione opportunistica dei seni, dei passaggi nasali, della cavità orale e del cervello causata da funghi saprofiti.

"La mortalità per le infezioni è di 3.129. Del numero totale, 34.940 pazienti avevano covid-19 (85,5%), 26.187 (circa il 64,11%) avevano comorbidità per il diabete, mentre 21.523 (52,69%) erano in terapia con steroidi" ha dichiarato Harsh Vardhan, ministro dell'Unione per la salute e il benessere della famiglia. "13.083 pazienti erano nella fascia di età 18-45 (32%), 17.464 erano nella fascia di età 45-60 (42%) mentre 10.082 pazienti (24%) avevano più di 60 anni".

I casi di covid-19 in India stanno gradualmente diminuendo, ma il governo ha sostenuto che alcuni distretti continuano a essere gravemente colpiti.

I casi attivi continuano a concentrarsi principalmente in Maharashtra, Kerala, Tamil Nadu, Bengala occidentale e Odisha, che registrano tassi di crescita superiori al tasso di crescita nazionale del covid-19.

 

AGGIORNAMENTO 23/07/2021

Sono più di 4.300 le persone decedute in India a causa del micidiale "fungo nero", in quella che è un'epidemia in crescita che colpisce principalmente i pazienti Covid-19.

Ad oggi il Paese ha segnalato un totale di 45.374 casi di questa rara e pericolosa infezione, chiamata mucormicosi, ha affermato il ministro della Sanità Mansukh Mandaviya. Generalmente colpisce il naso, gli occhi e talvolta l’encefalo, spesso manifestandosi 12-18 giorni dopo la guarigione dal Covid-19.

I due stati più colpiti sono Maharashtra e Gujarat, dove 1.785 persone sono decedute.

Il dottor Raghuraj Hegde, un chirurgo oculista con sede a Bangalore che ha curato un certo numero di pazienti con mucormicosi, ha dichiarato alla BBC che c'è stata "una massiccia sottostima sia dei casi che dei decessi" per la malattia. "In genere, i decessi per mucormicosi si verificano settimane o mesi dopo aver contratto la malattia. I nostri sistemi di notifica e di monitoraggio non sono adatti per acquisire quei dati", ha affermato.

I casi sono stati anche sottostimati perché la diagnosi era difficile negli ospedali più piccoli e nelle aree rurali e solo una frazione dei casi ha raggiunto gli ospedali delle grandi città, ha aggiunto.

Gli esperti affermano che il fungo ha un legame con gli steroidi usati solitamente come terapia di supporto per i malati di Covid e che, tra i pazienti colpiti, i diabetici sono particolarmente a rischio. Gli steroidi riducono significativamente l'infiammazione nei polmoni per Covid-19, ma riducono anche le difese immunitarie, e se un agente opportunistico come un fungo colpisce pazienti già debilitati, come nel caso di persone con il diabete o affette da neoplasie o altre patologie immunosoppressive, il quadro clinico può aggravarsi.

Fonte: BBC

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT