Redazionale

Febbre Gialla nel continente Africano

Data pubblicazione: 17/01/2023
Categoria: Alert sanitari - Autore: Staff Ambimed

Febbre Gialla nel continente Africano

Nel biennio 2021-2022, 13 Paesi della Regione Africana dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) hanno riportato casi confermati di febbre gialla: Camerun, Repubblica Centrafricana, Ciad, Costa d'Avorio, Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Kenya, Niger, Nigeria, Repubblica del Congo, Sierra Leone, Uganda e Gabon. Quest’ultimo ha riportato solo un caso isolato confermato nel 2021, ma nel 2022 non sono stati registrati altri casi.

Dal 1° gennaio 2021 al 7 dicembre 2022 sono stati segnalati un totale di 203 casi confermati di febbre gialla e 252 probabili, con 40 decessi accertati.

Nel 2021, i casi confermati erano prevalentemente nei bambini fino ai dieci anni di età. Nel 2022 invece sembra esserci un trend per cui la popolazione maggiormente colpita dalla febbre gialla ha tra i 20 e i 30 anni di età. Complessivamente, circa il 71% dei casi confermati ha un'età pari o inferiore a 30 anni.

Secondo l’OMS/UNICEF Estimates of National Immunization Coverage (WUENIC), nel 2021 la copertura vaccinale contro la febbre gialla nella Regione Africana era del 48%, molto inferiore alla soglia dell'80% richiesta per conferire una protezione alla popolazione. Le stime specifiche della copertura vaccinale per il 2021 variano tra i Paesi: 41% nella Repubblica Centrafricana, 45% in Ciad, 54% in Camerun, 67% nella Repubblica del Congo, 65% in Costa d'Avorio, 56% nella Repubblica Democratica del Congo, 64% in Gabon, 94% in Ghana, 7% in Kenya, 6% in Nigeria e 85% in Sierra Leone.

Figura: Distribuzione dei casi di febbre gialla probabili e confermati nei Paesi nella regione africana dell'OMS tra il 1° gennaio 2021 e il 7 dicembre 2022

La Febbre Gialla

La febbre gialla è una malattia virale acuta presente principalmente nelle aree tropicali dell’Africa, del centro-sud America. È causata da un Arbovirus e si trasmette all’uomo tramite le punture delle zanzare infette del genere Aedes (che trasmettono altre malattie come la Zika, la Chikungunya e la Dengue).

In genere, molte delle persone colpite non manifestano alcun sintomo, ma quando questi si verificano, i più comuni sono febbre, dolore muscolare con mal di schiena prominente, mal di testa, perdita di appetito, nausea e/o vomito. Una piccola percentuale di persone infette può sviluppare una fase tossica multi-organo, per la quale circa la metà dei pazienti decede entro 7-10 giorni.
 

Diversi Paesi hanno reso obbligatoria la vaccinazione preventiva a tutti i viaggiatori in arrivo da zone a rischio. Il vaccino viene somministrato a partire dai 9 mesi di età e conferisce un’immunità che dura per tutta la vita.

Fonti:

WHO Yellow Fever – African Region

 

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT