Il latte materno delle donne vaccinate è ricco di anticorpi anti SARS-CoV-2

Data pubblicazione: 10/05/2021
Categoria: Covid-19 - Autore: Staff Ambimed

Il latte materno delle donne vaccinate è ricco di anticorpi anti SARS-CoV-2

Il 20 dicembre 2020, Israele ha avviato un programma nazionale di vaccinazione contro il COVID-19. Uno dei gruppi prioritari erano gli operatori sanitari, alcune in fase di allattamento al seno. Nonostante le sperimentazioni sul vaccino non includessero la popolazione delle donne in allattamento e non fossero stati pubblicati dati sulla sicurezza relativi, le donne che allattano appartenenti a gruppi a rischio sono state comunque incoraggiate a ricevere il vaccino, in linea con le raccomandazioni del Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Una ricerca recentemente pubblicata su un’autorevole rivista scientifica, ha studiato se l'immunizzazione materna determina la secrezione di anticorpi SARS-CoV-2 nel latte materno e valutato qualsiasi potenziale avverso eventi tra donne e bambini.

Le partecipanti allo studio hanno ricevuto 2 dosi del vaccino Pfizer-BioNTech a 21 giorni di distanza. I campioni di latte materno sono stati raccolti prima della somministrazione del vaccino e poi una volta alla settimana per le 6 settimane successive. I campioni sono stati mantenuti congelati in attesa dell'analisi.

Complessivamente, 84 donne hanno completato lo studio, fornendo 504 campioni di latte materno.

I livelli medi di anticorpi IgA specifici anti-SARS-CoV-2 nel latte materno sono aumentati rapidamente ed erano significativamente elevati a due settimane dopo la prima dose di vaccino, quando il 62% dei campioni è risultato positivo agli anticorpi, aumentando poi all'86% dopo la seconda dose. Gli anticorpi IgG specifici anti-SARS-CoV-2 sono rimasti bassi per le prime 3 settimane, con un aumento progressivo a partire dalla somministrazione della seconda dose, quando il 92% dei campioni è risultato positivo, aumentando al 97% nelle settimane 5 e 6.

Nessuna madre o bambino ha subito eventi avversi gravi durante il periodo di studio. Quattro bambini hanno sviluppato febbre durante dopo la vaccinazione materna. Tutti e quattro avevano sintomi di infezione del tratto respiratorio superiore inclusa tosse e congestione, che si sono risolti senza trattamento ad eccezione di 1 bambino che è stato ricoverato per la valutazione della febbre neonatale a causa della sua età ed è stato trattato con antibiotici in attesa dei risultati della coltura. Non sono stati segnalati altri eventi avversi.

Questo studio ha rilevato una forte secrezione di anticorpi IgA e IgG specifici per SARS-CoV-2 nel latte materno per 6 settimane dopo la vaccinazione. Alcuni studi analoghi in donne risultate positive al SARS-CoV-2 hanno dimostrato risultati simili, dove gli anticorpi trovati nel latte materno hanno mostrato forti effetti neutralizzanti, suggerendo un potenziale effetto protettivo contro l'infezione nel bambino.


Fonte: JAMA network

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT