L'aumento dei contagi in Inghilterra della variante Delta

Data pubblicazione: 23/06/2021 - Ultimo aggiornamento: 25/06/2021
Categoria: Covid-19 - Autore: Staff Ambimed

L

Il numero delle persone positive al coronavirus sta aumentando rapidamente in Inghilterra, raddoppiando ogni 11 giorni.

Nuovi dati dello studio REACT, basati su quasi 110.000 tamponi domiciliari effettuati tra il 20 maggio e il 7 giugno, stimano che lo 0,15% delle persone abbia il virus, ovvero circa 1 su 670. Si tratta di un aumento del 50% rispetto ai risultati precedenti dello studio, quando lo 0,1%, quindi 1 su 1.000 aveva il virus al 3 maggio.

Guidati dall'Imperial College di Londra, I ricercatori stimano che nell'ultimo round di test il numero di riproduzione (Rt) sia 1,44. Ciò significa che in media 10 persone infette trasmetterebbero il virus ad altre 14, determinando una rapida crescita dell'epidemia.

La maggior parte delle infezioni si verifica nei bambini e nei giovani adulti, ma stanno aumentando anche i casi nelle persone anziane, a un ritmo simile negli over 50 e negli under 50.

Lo studio ha rilevato che il legame tra infezioni, ricoveri e decessi si era indebolito da febbraio, suggerendo che le infezioni stavano portando a un minor numero di ricoveri ospedalieri e decessi alla campagna di vaccinazione. Ma dalla fine di aprile si è invertita la tendenza per i ricoveri.

Il professor Paul Elliott, direttore del programma REACT della School of Public Health dell'Imperial College, ha dichiarato: "Abbiamo trovato forti prove di una crescita esponenziale dell'infezione da fine maggio a inizio giugno nello studio REACT-1, con un tempo di raddoppio di 11 giorni in media. Per l'Inghilterra, questi dati coincidono con l’aumentata prevalenza della variante Delta, e mostrano l'importanza di continuare a monitorare i tassi di infezione e le varianti di preoccupazione nella comunità".

Per questo ultimo round dello studio REACT in corso, 108.911 persone hanno eseguito un tampone molecolare PCR. Di questi, 135 sono risultati positivi, di cui la stragrande maggioranza (circa il 90%) con la variante Delta. Ciò è coerente con i dati di Public Health England (PHE) che riportano che la variante rappresenta ormai il 90% delle infezioni.

Per età, i giovani di 5-12 e di 18-24 anni hanno avuto la prevalenza più alta allo 0,35% e 0,36%. Sebbene la prevalenza nelle persone di età inferiore ai 50 anni fosse 2,5 volte quella di quelle di età pari o superiore a 50 anni (0,20% vs 0,08%), le infezioni sembrano crescere a un tasso simile in entrambi i gruppi.

Lo studio ha anche monitorato la relazione tra infezioni, ricoveri ospedalieri e decessi in diversi gruppi di età. Da febbraio, il legame tra infezioni, ricoveri e decessi si è indebolito nelle persone di età pari o superiore a 65 anni, mentre c'è stata una recente inversione di queste tendenze per gli under 65, che probabilmente riflette tassi di vaccinazione inferiori in questo gruppo.

Il professor Steven Riley, professore di dinamica delle malattie infettive presso l'Imperial, ha dichiarato: "Anche se stiamo assistendo alla più alta prevalenza di infezione nei giovani che sono meno suscettibili al COVID-19, se questa crescita continua aumenterà le infezioni negli anziani e nei più vulnerabili, poiché i vaccini non sono efficaci al 100% e non tutti sono stati completamente vaccinati. Ciò porterebbe a più ricoveri e decessi e rischierebbe di mettere a dura prova il servizio sanitario nazionale, motivo per cui è fondamentale che le persone accettino la loro offerta di vaccini e continuino a rispettare le norme".

 

Fonte: Imperial College, London

 

Aggiornamento 26/06/2021

Le Autorità del Sistema Sanitario Nazionale inglese (NHS) hanno lanciato l'allarme sull’aumento delle persone che necessitano di ventilatori in regime di ricovero nel Regno Unito.

Il vice amministratore delegato di NHS Providers, Saffron Cordery, ha affermato che il numero di pazienti Covid in ospedale che necessitano di ventilazione è aumentato del 41% nell'ultima settimana, il che, secondo lei, è una forte indicazione che l’epidemia da SARS-CoV-2 sta avendo nuovamente un impatto sui servizi sanitari.

I numeri attuali rimangono comunque molto al di sotto del picco di 4.077 del 24 gennaio e sono più vicini ai livelli di fine aprile. Gli ultimi dati disponibili hanno mostrato il numero di pazienti in ospedale a 1.378, simile all'inizio di maggio, mentre il conteggio giornaliero dei nuovi casi è stato di 11.625, dato simile all’andamento di metà febbraio.

Grafico della crescita dei pazienti ricoverati in ospedale in Inghilterra a causa della variante Delta

Il professore Neil Ferguson, epidemiologo dell'Imperial College di Londra, ha affermato comunque un lato incoraggiante nonostante l'aumento del numero di casi. Ricoveri e tassi di mortalità inferiori rispetto al numero dei casi dimostrano l'elevata efficacia dei vaccini nel proteggere le persone da malattie gravi.

“Ora è chiaro che avere due dosi di AstraZeneca, Moderna o Pfizer offre un alto livello di protezione contro le malattie gravi. Le persone vengono ancora contagiate ma a un livello molto più basso, e anche quelle persone che si infettano dopo due dosi sono probabilmente meno infettive", ha detto.

Ha inoltre specificato che i tassi d’infezione, in particolare per la variante Delta, erano concentrati in gruppi non vaccinati, compresi i bambini in età scolare.

I servizi sanitari dovranno essere preparati per "un'epidemia di influenza potenzialmente piuttosto significativa" entro la fine dell'anno perché le misure di allontanamento sociale in tutto il mondo lo scorso anno l'hanno portata a livelli insolitamente bassi. Picco che però potrebbe essere contrastato con vaccini antinfluenzali stagionali.

 

Fonte: The Guardian

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT