La Cina è malaria free

Data pubblicazione: 06/08/2021
Categoria: Pagine del sito - Autore: Staff Ambimed

La Cina è malaria free

Dopo uno sforzo di 70 anni, la Cina ha ottenuto la certificazione di malaria free dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), un'impresa notevole per un paese che ha segnalato 30 milioni di casi di malattia all'anno negli anni '40.

"Oggi ci congratuliamo con il popolo cinese per aver liberato il paese dalla malaria", ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell'OMS. “Il loro successo è stato duramente guadagnato ed è arrivato solo dopo decenni di azioni mirate e prolungate. Con questo annuncio, la Cina si unisce al numero crescente di paesi che stanno dimostrando al mondo che un futuro senza malaria è un obiettivo praticabile".

La Cina è il primo paese della regione del Pacifico occidentale dell'OMS ad aver ottenuto una certificazione esente da malaria in più di 3 decenni. Altri paesi della regione che hanno raggiunto questo status includono Australia (1981), Singapore (1982) e Brunei Darussalam (1987).

"Congratulazioni alla Cina per l'eliminazione della malaria", ha affermato il dottor Takeshi Kasai, direttore regionale, Ufficio regionale dell'Oms per il Pacifico occidentale. “L'instancabile sforzo della Cina per raggiungere questo importante traguardo dimostra come un forte impegno politico e il rafforzamento dei sistemi sanitari nazionali possano portare all'eliminazione di una malattia che un tempo era un grave problema di salute pubblica. Il successo della Cina ci avvicina di un passo alla visione di una regione del Pacifico occidentale libera dalla malaria.

A livello globale, 40 paesi e territori hanno ottenuto una certificazione esente da malaria dall'OMS, tra cui, più recentemente, El Salvador (2021), Algeria (2019), Argentina (2019), Paraguay (2018) e Uzbekistan (2018).

 

Il viaggio di eliminazione della Cina

A partire dagli anni '50, le autorità sanitarie in Cina hanno lavorato per individuare e fermare la diffusione della malaria fornendo profilassi per le persone a rischio della malattia e cure per coloro che si erano ammalati. Il paese ha anche compiuto un grande sforzo per ridurre i luoghi di riproduzione delle zanzare e ha intensificato l'uso di insetticidi spray nelle case nelle aree più esposte.

Nel 1967, il governo cinese ha lanciato il “Progetto 523” – un programma di ricerca nazionale volto a trovare nuovi trattamenti per la malaria. Questo sforzo, che ha coinvolto più di 500 scienziati di 60 istituzioni, ha portato alla scoperta negli anni '70 dell'artemisinina, il composto principale delle terapie combinate a base di artemisinina (ACT), i farmaci antimalarici più efficaci oggi disponibili.

"Per molti decenni, la capacità della Cina di pensare fuori dagli schemi ha servito bene il paese nella propria risposta alla malaria e ha anche avuto un significativo effetto a catena a livello globale", osserva il dott. Pedro Alonso, direttore del Programma globale contro la malaria dell'OMS. "Il governo e il suo popolo erano sempre alla ricerca di modi nuovi e innovativi per accelerare il ritmo dei progressi verso l'eliminazione".

Negli anni '80, la Cina è stata uno dei primi paesi al mondo a testare ampiamente l'uso di reti trattate con insetticida (ITN) per la prevenzione della malaria, ben prima che le reti fossero raccomandate dall'OMS. Nel 1988 erano state distribuite più di 2,4 milioni di reti a livello nazionale. L'uso di tali reti ha portato a sostanziali riduzioni dell'incidenza della malaria nelle aree in cui sono state impiegate.

Alla fine del 1990, il numero di casi di malaria in Cina era sceso a 117.000 e i decessi si erano ridotti del 95%. Con il sostegno del Fondo globale per la lotta all'AIDS, alla tubercolosi e alla malaria, a partire dal 2003, la Cina ha intensificato la formazione, il personale, le attrezzature di laboratorio, i medicinali e il controllo delle zanzare, uno sforzo che ha portato a un'ulteriore riduzione dei casi; entro 10 anni, il numero di casi era sceso a circa 5000 all'anno.

Nel 2020, dopo aver segnalato 4 anni consecutivi di zero casi indigeni, la Cina ha richiesto una certificazione ufficiale dell'OMS per l'eliminazione della malaria. I membri del gruppo indipendente di certificazione per l'eliminazione della malaria si sono recati in Cina nel maggio 2021 per verificare lo stato di assenza di malaria del paese e il suo programma per prevenire il ristabilimento della malattia.

Fonte: WHO

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT