Le malattie a trasmissione sessuale sono in aumento anche in Italia

Data pubblicazione: 11/02/2020
Categoria: Ultime notizie - Autore: Beatrice Formenti

Le malattie a trasmissione sessuale sono in aumento anche in Italia

L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) dichiara l’aumento progressivo in Italia del numero delle persone affette da un’infezione sessualmente trasmessa.

Le infezioni sessualmente trasmesse (IST) sono un ampio ed eterogeno gruppo di malattie infettive, diffuso in tutto il mondo, causato da diversi patogeni tra cui batteri, virus e parassiti.

Tra le più conosciute infezioni per via sessuale abbiamo:

  • HIV / Aids;
  • HPV / Papilloma Virus Umano;
  • Herpes simplex;
  • Clamidia;
  • Gonorrea;
  • Sifilide

Gli organismi patogeni che causano le IST, si trasmettono per contatto diretto tra liquidi infetti (sperma, secrezioni vaginali, sangue da piccole lesioni) e le mucose genitali, anali o della bocca. Alcune infezioni possono essere anche trasmesse non sessualmente, come da madre a figlio durante la gravidanza o il parto, o attraverso trasfusioni di emazie non controllate o aghi condivisi.

Le stime suggeriscono un aumento globale dei casi di infezione, con 357 milioni di nuovi casi riguardanti le quattro infezioni batteriche: Clamidia, Gonorrea, Sifilide, Trichomonas vaginalis.

Globalmente, la Sifilide ha registrato 6.3 milioni di infezioni nel 2016, di cui quasi 1 milione erano donne in gravidanza, con oltre 350.000 esiti avversi alla nascita. I casi di Sifilide in Lombardia nel 2018 sono stati complessivamente 513 e il tasso di incidenza è in costante aumento.

Altrettanto è la prevalenza delle infezioni virali, con 417 milioni di persone con l'Herpes simplex di tipo 2.
Si stima che 300 milioni di donne vivano con l’HPV: ogni anno 570.000 casi di cancro alla cervice e 300.000 morti correlate; in Italia solo il 73-76% delle femmine e il 60% dei maschi è vaccinato. Un triste traguardo dal momento che per ottenere uno stato di copertura efficace è necessario superare l'80%.

I fattori che possono aumentare il rischio di acquisizione di una malattia sessuale sono:

  • Rapporti sessuali non protetti;
  • Sesso orale non protetto;
  • Rapporti sessuali con più partner, anche occasionali, senza essere consapevoli delle relative abitudini sessuali di questi ultimi;
  • Uso improprio di alcol o droghe ricreative che inibiscono il livello di attenzione alla corretta prevenzione.

Al fine di contenere e di ridurre il rischio di infezione è fondamentale una efficace strategia di sanità pubblica, volta all’informazione e all’educazione della popolazione, soprattutto quella giovane, oltre all’implementazione di servizi sanitari e di counseling dedicati, per facilitare l’accesso alle diagnosi e alle terapie.

 

Fonti:

ANSA https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2019/11/27/infezioni-sessualmente-trasmesse-sale-numero-persone-colpite_cb50d4f1-cf47-4028-b59f-98138c971c2a.html
EPICENTRO https://www.epicentro.iss.it/ist/

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT