Prevenzione e trattamento HPV

Data pubblicazione: 25/11/2020
Categoria: Terapie e vaccini - Autore: Mauro Berta

Prevenzione e trattamento HPV

Prevenzione Primaria (vaccinazione)

La prevenzione primaria contro l’HPV si effettua attraverso prevalentemente attraverso la vaccinazione. Ne parliamo approfonditamente nella scheda dedicata al vaccino per l’HPV.

La prevenzione primaria (profilassi) delle patologie infettive a trasmissione sessuale è stata ed è prevalentemente basata anche sull’astensione dai rapporti sessuali e sull’utilizzo di dispositivi fisici (come i profilattici) che riducono le cause d’esposizione all’agente infettivo. Purtroppo, per quanto concerne l’HPV, l’uso del profilattico sembra ridurre il rischio di trasmissione dell’infezione, ma solo parzialmente. Per questo la vaccinazione per l’HPV, attualmente rimane la migliore arma per difendersi dal contagio.
 

Prenota il vaccino per l'HPV

Prevenzione secondaria (Pap Test)

Per prevenzione secondaria si intende diagnosticare la malattia il più precocemente possibile, prima che si manifesti a livello clinico.

La prevenzione della neoplasia è stata condotta da anni attraverso l’esame citologico denominato Pap test. Dalla sua introduzione nel 1955 ha sicuramente contribuito alla drastica riduzione (6-7 volte) dell’incidenza del carcinoma della cervice uterina nei paesi occidentali. Il Pap test consiste in un prelievo, attraverso una spatola e spazzolino, di alcune delle cellule del collo dell’utero, che muoiono e si staccano nel corso del normale processo di ricambio dei tessuti. Successivamente viene analizzato per la ricerca al microscopio di eventuali cellule anormali. 

In Italia, i programmi di screening cervicale, attivati o in via di attuazione in gran parte delle Regioni, prevedono l’esecuzione di un Pap test ogni tre anni nelle donne tra i 25 e i 64 anni.

 Il Pap test, tuttavia, ha alcune limitazioni rappresentate:

  • dalla modesta sensibilità (30% -87%), risultante in una rilevante componente di falsi negativi;
  • da una specificità (86% -100%) che non è esente da falsi positivi (soggetti sani erroneamente indicati come affetti da patologie).

Attualmente lo screening ha a disposizione un’ulteriore arma diagnostica: l’identificazione e la caratterizzazione dei ceppi di HPV che possono essere presenti nel tratto genitale.

Questa indagine diagnostica biomolecolare ha una sensibilità̀ > 90% e una specificità̀ > 99% per l’identificazione di singoli ceppi di HPV o di gruppi di HPV.

La specificità̀ clinica invece è bassa, poiché́ la presenza di HPV non è necessariamente associata alla presenza di patologie. Pertanto, le due metodiche (citologica e molecolare) sono complementari e in alcune condizioni cliniche necessarie per la corretta valutazione diagnostica. Lo screening è quindi importantissimo per il follow up e per la precocità diagnostica.

Non vanno poi dimenticate le indagini utili ad approfondire quali colposcopia anoscopia e laringoscopia per eventuali forme tumorali che possono colpire la gola.
 

Trattamento

Il trattamento delle infezioni da Papilloma virus si basa sulla cura dell’esito e la decisione su quale trattamento sia più indicato, si effettua anche sulla base della considerazione che le modalità di cura attualmente disponibili non sono del tutto efficaci. Va tenuto conto inoltre che molte verruche scompaiono spontaneamente. L’obiettivo del trattamento è l’eliminazione delle lesioni piuttosto che l’eliminazione del virus.

I trattamenti classici delle varie manifestazioni del virus, sono stati trattati nella scheda malattia del papilloma virus, che vi invitiamo a leggere per avere un quadro completo della malattia.
 

Novità nei trattamenti

Immunoterapie
Poiché la vaccinazione non sarà diffusa per molti anni e dato che gli interventi di screening sono spesso costosi e difficili da attuare, lo sviluppo di trattamenti terapeutici rimane urgente.

Comprendere i meccanismi di eliminazione dell'HPV permette di aiutare lo sviluppo di immunoterapie, che consistono nel trattamento di una malattia stimolando o sopprimendo il sistema immunitario.

Attualmente, la maggior parte della ricerca clinica e nei modelli animali sulle immunoterapie HPV è comprensibilmente focalizzata sul trattamento del cancro cervicale.

In effetti, ci sono numerosi approcci per sviluppare questi trattamenti, come vaccini proteici / peptidici, vettori basati su batteri e virali e immunomodulatori. Uno degli esempi più promettenti fino ad oggi è il vaccino terapeutico VGX-3100, un plasmide contenente versioni sintetiche dei geni E6 ed E7 di HPV16 e HPV18, che ha mostrato efficienza in uno studio controllato nel migliorare la regressione delle lesioni di alto grado (CIN2 / 3).

Le immunoterapie non possono essere previste per trattare tutte le infezioni acute da HPV, data la loro prevalenza e le loro presentazioni spesso sub-cliniche.

Tuttavia, la conoscenza nella fase acuta potrebbe essere trasferibile per combattere le infezioni in fase cronica, ad esempio identificando eventuali immunostimolanti o sottotipi di cellule immunitarie che aiutano a eliminare le infezioni acute naturali.

Pertanto, gli approfondimenti derivanti dall'eliminazione dell'infezione acuta potrebbero essere particolarmente adatti per lo sviluppo di terapie contro le lesioni precancerose che di solito vengono rimosse chirurgicamente.

 

Conclusioni

Stato ella lotta contro il papilloma virus umano
I tumori causati dalle infezioni si distinguono perché possono essere combattuti utilizzando strategie contro le malattie infettive attraverso la:

  • identificazione dei fattori di rischio: L'identificazione dei fattori di rischio ha portato al riconoscimento di tipi di HPV oncogeni strettamente correlati come agenti eziologici responsabili di diversi tumori.
  • prevenzione della trasmissione: Il contagio può ora essere prevenuto mediante l'uso di vaccini sicuri ed efficaci mirati agli HPV più oncogeni insieme ad alcuni HPV non oncogeni ma che causano le verruche anogenitali.
  • diagnosi precoce di individui infetti: anche i programmi di screening per la diagnosi precoce delle lesioni (pre) neoplastiche causate dalle infezioni da HPV sono riusciti a ridurre il carico e la prevalenza del cancro cervicale nei paesi ad alto reddito. Tuttavia, la loro implementazione differenziata ha anche aumentato la disuguaglianza tra i paesi.


Nonostante le misurazioni di prevenzione primaria e secondaria disponibili, gli HPV continueranno a infettare milioni di persone nel prossimo futuro, causando così una significativa morbilità e mortalità in tutto il mondo.

In effetti, la copertura vaccinale varia notevolmente sia all'interno che tra i paesi, così come l'accesso ai programmi di screening.

Al di là dei fattori socioeconomici, l'efficacia dello screening è ostacolata dal fatto che alcune forme di cancro sono più difficili da rilevare rispetto ad altre. Questo è il caso delle forme ghiandolari di cancro cervicale rispetto al più comune carcinoma squamoso.

Inoltre, i tumori indotti da HPV in sedi anatomiche diverse dalla cervice (ad esempio, anale o orofaringeo) sono in aumento in molti paesi, anche se in popolazioni diverse.

Questi tumori sono particolarmente preoccupanti, o perché vengono rilevati una volta che il processo cancerogeno è più avanzato, come nel caso del cancro del collo, o perché colpiscono le popolazioni a maggior rischio, come nel caso del cancro anale nell'HIV MSM (uomini che fanno sesso con uomini).

Infine, da una prospettiva economica, gli HPV non cancerogeni non dovrebbero essere trascurati poiché il costo totale dell'assistenza sanitaria legato al trattamento delle verruche genitali può superare quello del trattamento dei tumori indotti da HPV, nonostante le ovvie differenze di gravità e impatto indiretto di entrambe le malattie.

 

Bibliografia

  1. Virgin, H.W.; Wherry, E.J.; Ahmed, R. Redefining chronic viral infection. Cell 2009, 138, 30–50.
  2. ClarkeMA,WentzensenN,MirabelloL,etal.HumanpapillomavirusDNAmethylationasapotentialbiomarkerforcervical cancer. Cancer Epidemiol Biomarkers Prev 2012 Dec;21(12):2125e37.
  3. Verlaat W, Snijders PJF, Novianti PW, et al. Genome-wide DNA methylation profiling reveals methylation markers associated with 3q gain for detection of cervical precancer and cancer. Clin Cancer Res 2017;23(14):3813e22.
  4. Saraiya M, Unger ER, Thompson TD, Lynch CF, Hernandez BY, Lyu CW, Steinau M, Watson M, Wilkinson EJ, Hopenhayn C, Copeland G, Coz- en W, Peters ES, Huang Y, Saber MS, Altekruse S and Goodman MT; HPV Typing of Cancers Workgroup. US assessment of HPV types in cancers: implications for current and 9-valent HPV vaccines. J Natl Cancer Inst 2015; 107: djv086.
  5. Berman TA and Schiller JT. Human papillomavi- rus in cervical cancer and oropharyngeal can- cer: one cause, two diseases. Cancer 2017; 123: 2219-2229.
  6. Ariel Yusupov, Daniel Popovsky, Lyaba Mahmood, Andrew S Kim, Alex E Akman, Hang Yuan. The nonavalent vaccine: a review of high-risk HPVs and a plea to the CDC. Am J Stem Cells 2019;8(3):52-64 Published December 30, 2019.
  7. Catherine de Martel , Martyn Plummer, Jerome Vignat and Silvia Franceschi. Worldwide burden of cancer attributable to HPV by site, country and HPV type. International Journal of Cancer 141, 664–670 (2017).
  8. Aleyo Chabeda, Romana J.R. Yanez, Renate Lamprecht, Ann E. Meyers, Edward P. Rybicki, Inga I. Hitzeroth.  Therapeutic vaccines for high-risk HPV-associated diseases. Papilloma virus Research 5 (2018) 46–58.
  9. Beatriz Serrano, María Brotons, Francesc Xavier Bosch, Laia Bruni. Epidemiology and burden of HPV-related disease. Best Practice & Research Clinical Obstetrics and Gynaecology 47 (2018);
  10.  Dingyun You, Liyuan Han, Lian Li, Jingcen Hu, Gregory D. Zimet , Haridah Alia , Mahmoud Danaee, Le Cai, Fangfang Zeng and Li Ping Wong. Human Papilloma virus (HPV) Vaccine Uptake and the Willingness to Receive the HPV Vaccination among Female College Students in China:A Multicenter Study. Vaccines 2020, 8, 31;
  11. Samuel Alizon , Carmen Lía Murall and Ignacio G. Bravo. Why Human Papilloma Virus Acute Infections Matter. Viruses 2017, 9, 293;
  12. zur Hausen H. Papillomaviruses causing cancer: evasion from host-cell control in early events in carcinogenesis. J Natl Cancer Inst. 92: 690-698, 2000;
  13. de Villiers EM, Fauquet C, Broker TR, Bernard HU, zur Hausen H. Classification of papillomaviruses. Virology 324:17-27, 2004;
  14. Van Ranst M, Kaplan JB, Burk RD.. Phylogenetic classification of human papillomaviruses: correlation with clinical manifestations. J Gen Virol 73:2653-2660, 1992;
  15. Munoz N, Bosch FX, de Sanjose S, Herrero R, Castellsague X, Shah KV, Snijders PJ, Meijer CJ; International Agency for Research on Cancer Multicenter Cervical Cancer Study Group. 2003. Epidemiologic classification of human papillomavirus types associated with cervical cancer. N Engl J Med 348:518-527, 2003;
Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT