Tetano - Vaccino

Attraverso la vaccinazione, appaiano appaiono lontane le drammatiche conseguenze di gravi malattie come il tetano, la difterite, la pertosse o la poliomielite e sempre più spesso si riescono a ridurre decessi e ricoveri ospedalieri per altre malattie prevenibili.

Nonostante il miglioramento delle misure igienico-sanitarie sia stato di grande ausilio in tale processo, non si può prescindere dal ruolo che le vaccinazioni hanno avuto nel far scomparire patologie pericolose e spesso invalidanti e nel raggiungere la protezione comunitaria, che può essere intesa come bene pubblico di cui tutti hanno il diritto di beneficiare. Per tale motivo le vaccinazioni possono definirsi come un “intervento collettivo” riducendo il numero di individui suscettibili all’infezione e la probabilità̀ che la stessa possa esitare in malattia, attraverso il controllo della sua trasmissione.

In particolare, il vaccino contro il tetano viene preparto a partire dalla tossina tetanica, sottoposta a purificazione e ultrafiltrazione. L’immunizzazione con anatossina tetanica è la sola misura di controllo efficace contro il tetano.

Consulta la scheda malattia

CALENDARIO VACCINALE

Esistono diversi vaccini combinati che vengono utilizzati per prevenire tali malattie, e possono assumere le sgile:

  • DTaP = Difterite,Tetano,Pertosse acellulare
  • Dt =Difetrite,Tetano
  • dTpa-IPV = vaccino antidifterite-tetano-pertosse acellulare e polio inattivato

Vaccino

Dosi

Calendario

Vaccino esavalente

(Difterite,Tetano,Pertosse, Poliomielite, Epatite B,  Hemophilus influenzae tipo B) 

3 dosi

 

 

 

3° mese, 5° mese e 11° mese di vita.

 

Vaccino tetravalente

dTpa-IPV

1 dose

 

a 5-6 anni

Richiamo ogni 10 anni

1 dose

DtaP


Il PNPV 2017-2019 raccomanda la vaccinazione esavalente con il vaccino antitetanico, antipertussico e antipoliomielitico insieme al vaccino EpB e Hib (Epatite B, Hemophilus influenzae tipo B) e in co-somministrazione con PCV (Pneumococco) in 3 dosi somministrate al 3° mese, 5° mese e 11° mese di vita.

La quarta dose (dTpa-IPV) viene somministrata a 5-6 anni. Se la dose è effettuata dopo i 7 anni va utilizzato il vaccino di tipo adolescenziale-adulto.

Gli adulti con anamnesi incerta per il ciclo primario di vaccinazione con dT (Diftrite-Tetano) devono iniziare o completare la vaccinazione primaria. I successivi richiami devono essere effettuati ogni 10 anni (a partire dal completamento della serie primaria).

La raccomandazione è ancora più forte per chi si sposta verso Paesi ad alta endemia, e per i viaggiatori in generale.

RICHIAMO

L’immunità offerta dalla profilassi vaccinale non ha una durata superiore ai 10 anni, pertanto, si raccomanda una dose di richiamo ai fini di mantenere un alto livello di protezione.

ETA'

L’immunizzazione deve iniziare già al 3 mese di vita con il primo vaccino esavalente. Una volta completato il ciclo primario, sono necessari, come già ripetuto, dei richiami ogni 10 anni indicativamente per tutta la vita.

È inoltre fortemente raccomandato vaccinare con il vaccino DTPa, la gestante fra la 27a e la 36a settimana, idealmente intorno alla 28a settimana, al fine di consentirle la produzione di anticorpi sufficienti e il conseguente passaggio transplacentare per proteggere il neonato dalla pertosse.

MODALITA' DI SOMMINISTRAZIONE

Il vaccino viene somministrato per via sottocutanea o intramuscolare.

EFFETTI INDESIDERATI E CONTROINDICAZIONI

Le reazioni avverse indicate con maggiore frequenza sono: dolore, rossore e indurimento nel sito di iniezione, malessere, febbre, cefalea, nausea.

Come per altri vaccini, la vaccinazione con anatossina tetanica deve essere differita in caso di malattie febbrili di entità medio-alta. Affezioni minori invece, come piccole infezioni delle vie aeree superiori, non costituiscono controindicazioni.

Controindicazioni alla vaccinazione sono la reazione allergica grave (anafilassi) dopo la somministrazione di una precedente dose, reazione allergica grave (anafilassi) a un componente del vaccino e coloro che hanno avuto manifestazioni neurologiche dopo la prima dose. Non esistono altre vere controindicazioni alla vaccinazione contro il tetano.

E’ altamente raccomandato a tutte le donne in età fertile o in gravidanza di verificare il proprio stato vaccinale ed eventualmente ricorrere al richiamo tetanico al fine di prevenire eventuali infezioni.

Nome commerciale:

 

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT