Colera - Vaccino

Il vaccino per il Colera è composto dal batterio V.Cholerae 01 inattivato e le subunità B ricombinate della tossina colerica.

Consulta la scheda malattia

CALENDARIO VACCINALE

Il vaccino orale è somministrato:

  • Per adulti e bambini dai 6 anni di età:

            2 dosi assunte una settimana (fino a 28 giorni) l’una dall’altra.

  • Per bambini dai 2 ai 6 anni di età:

            3 dosi assunte una settimana (fino a 28 giorni) l’una dall’altra.

Il vaccino ha una durata immunologica di 2 anni.

RICHIAMO

Per una protezione continuativa nei confronti del colera, si raccomanda una singola dose di richiamo, entro 2 anni per gli adulti e i bambini a partire dai 6 anni di età; entro 6 mesi per i bambini tra 2 e 6 anni di età.

Nel caso siano trascorsi più di 2 anni dall’ultima vaccinazione (più di 6 mesi per i bambini da 2 a 6 anni di età) è raccomandabile ripetere il ciclo di base.

L’efficacia del vaccino viene conferita a distanza di 7 giorni dalla somministrazione della seconda dose.

ETA'

La vaccinazione è indicata a tutti i viaggiatori, adulti e bambini a partire dai 2 anni di età.

MODALITA' DI SOMMINISTRAZIONE

Il vaccino, sospensione e granulato effervescente, si assume per via orale.

La dose vaccinale va composta miscelando la sospensione con una soluzione buffer (sodio bicarbonato), fornito sotto forma di granulato effervescente da sciogliere in un bicchiere d’acqua (circa 150 ml). Una volta composta la miscela, assumerla entro le 2 ore.

È importante evitare di assumere altri medicinali e di ingerire alimenti e bevande 1 ora prima e 1 ora dopo la somministrazione del vaccino, in quanto possono aumentare la produzione di acido da parte dello stomaco e compromettere così l’effetto del vaccino.

EFFETTI INDESIDERATI

Le reazioni avverse indicate con maggiore frequenza, dopo la somministrazione del vaccino per il Colera, sono: dolore addominale, diarrea, feci non formate, nausea e vomito.

La somministrazione del vaccino va rinviata nei soggetti affetti da malattie gastrointestinali acute o da malattie febbrili acute.

La somministrazione del vaccino durante lo stato di gravidanza o allattamento va considerata dopo un’analisi dei rischi e dei benefici effettuata dal Medico Specialista.

Controindicazioni al vaccino anticolera sono ipersensibilità a uno dei principi attivi, a uno qualsiasi degli eccipienti o alla formaldeide.

Nome commerciale:

Contattaci

Di seguito i nostri articoli più recenti su questo tema

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT