Dengue in Giamaica

Data pubblicazione: 31/01/2019 - Ultimo aggiornamento: 06/02/2019
Categoria: Alert sanitari - Autore: Staff Ambimed

Dengue in Giamaica

Il Ministero Giamaicano ha emesso un allarme epidemico a seguito di un aumento del numero di casi di Dengue nel dicembre 2018 dove sono stati segnalati 123 casi. L’isola sta affrontando quindi una grossa epidemia, considerato che tale numero coinvolge ben 7 decessi.


CONSIGLI PER I VIAGGIATORI

Tutti i viaggiatori diretti in aree in cui si verificano casi di dengue sono potenzialmente a rischio di contrarre il virus e devono essere consapevoli della possibilità di trasmissione.

La prevenzione si basa sull'evitare le punture di zanzara (Aedes);
dato che le esse sono più attive nelle prime ore del mattino, è particolarmente importante utilizzare le protezioni in questa parte della giornata.

I metodi di prevenzione del morso includono:

  • Indossare abiti lunghi, larghi per coprire la cute durante il giorno, e possibilmente colorati;
  • L'uso di repellenti specifici contenenti principio attivo “DEET” applicato sulla pelle esposta tra l'alba e il tramonto;
  • L’uso delle zanzariere specialmente impregnate di permetrina per proteggersi contro i morsi di zanzara;
  • L'uso di aria condizionata se disponibile;
  • Eradicazione dei siti di riproduzione delle zanzare intorno all'alloggio/casa (ad esempio contenitori aperti, vecchi pneumatici o vasi di fiori che potrebbero raccogliere acqua).


LA DENGUE

La febbre dengue è una malattia causata da una famiglia di virus trasmessa dalle zanzare Aedes ed è diffusa in tutti i tropici e subtropici. 

Generalmente la malattia sfocia con una febbre dopo circa 5-6 giorni dal morso di zanzara ed è accompagnata da mal di testa, dolori attorno agli occhi, forti dolori muscolari e alle articolazioni, nausea, vomito. La sintomatologia nei bambini talvolta è assente.

Non esiste un trattamento specifico per la dengue, e nella maggior parte dei casi le persone guariscono completamente dopo due settimane. Il trattamento consiste in riposo assoluto, uso di farmaci per abbassare la febbre e somministrazione di liquidi. 

Talvolta, la malattia può svilupparsi sotto forma di febbre emorragica con emorragie gravi da diverse parti del corpo che possono causare veri e propri collassi e, in casi rari, risultare fatali.


ESISTE UN VACCINO DISPONIBILE?

No.

Non esiste un vaccino contro la febbre dengue
Attualmente l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta sperimentando diversi vaccini contro la dengue, ma nessuno di questi è attualmente commercializzato.

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT