Febbre tifoide - Vaccino

Attualmente sono disponibili due vaccini per la febbre tifoide:

  • Vaccino in formulazione orale: contiene il ceppo vivo attenuato noto come Salmonella Typhi Ty21a;
  • Vaccino in formulazione parenterale (intramuscolare): contiene polisaccaridi capsulari purificati di Salmonella Typhi (ceppo Ty2).

Consulta la scheda malattia

Vaccino in formulazione orale


SOMMINISTRAZIONE

E’ formulato da tre compresse: il ciclo vaccinale consiste nell'assunzione (lontano dai pasti) di una compressa a giorni alterni (1-3-5 gg). La protezione verso il batterio ha inizio circa 10 giorni dopo l’ultima dose.

Il vaccino può essere assunto contemporaneamente ad altri vaccini, inclusi i vaccini vivi contro polio, colera e febbre gialla o con la combinazione morbillo, parotite e rosolia (MPR).


RICHIAMO

Il richiamo vaccinale va effettuato ogni 3 anni.
Se il soggetto effettua viaggi da aree non endemiche ad aree endemiche, dove c'è il rischio di contrarre febbre tifoide, è consigliata la rivaccinazione annuale.


ETA'

Indicato per l’immunizzazione negli adulti e nei bambini a partire dai 5 anni di età.


EFFETTI INDESIDERATI

Gli effetti indesiderati comuni sono: cefalea, dolore a carico dell’addome, diarrea, nausea, vomito, eruzione cutanea, febbre, calo dell’appetito, gonfiore della pelle e delle mucose (angioedema), difficoltà a respirare, sensazione di malessere generale, spossatezza, brividi, formicoli. Le vertigini sono invece reazioni indesiderati con frequenza non nota.

La somministrazione di Vivotif durante la gravidanza non è stata valutata in studi clinici.

Il vaccino può interagire con alcuni farmaci antimalarici; prima della somministrazione è necessaria una valutazione dello specialista.

Il vaccino non deve essere utilizzato se il soggetto è allergico al principio attivo o ad uno qualsiasi degli altri componenti del vaccino o se ha avuto una reazione allergica ad una precedente dose e se ha un sistema immunitario compromesso per qualsiasi motivo.

Nome commerciale:

 

Vaccino in formulazione parenterale


SOMMINISTRAZIONE

La vaccinazione consiste in un’unica somministrazione, per via intramuscolare.

E’ raccomandato eseguire la vaccinazione almeno 2 settimane prima della potenziale esposizione al batterio.
Il vaccino genera immunità contro la Salmonella Typhi, ma non genera protezione contro Salmonella paratyphi A o B o contro Salmonelle non tifoidee.

Può essere iniettato insieme ai vaccini contro l’Epatite B, l’Epatite A, il Tetano, la Difterite, la Polio, la Rabbia, la Meningite Meningococcica e la Febbre Gialla (in caso di somministrazione concomitante devono essere usati siti di iniezione differenti).


RICHIAMO

La rivaccinazione, nel caso in cui il soggetto sia ancora esposto al rischio di febbre tifoide, va effettuata entro un intervallo non superiore a 3 anni.


ETA'

È indicato per l’immunizzazione negli adulti e nei bambini a partire dai 2 anni di età.


EFFETTI INDESIDERATI

Gli effetti indesiderati molto comuni sono: dolore e indurimento al sito di iniezione, febbre, malessere.

Il vaccino non deve essere utilizzato in caso di ipersensibilità ad uno qualsiasi dei suoi componenti.

La somministrazione di questo vaccino durante la gravidanza non è raccomandata, in quanto non ci sono evidenze scientifiche; pertanto il suo uso deve seguire un’attenta valutazione dei rischi e dei benefici da parte dello specialista.

Nome commerciale:

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT