Il più grande studio al mondo sui sopravvissuti ad ebola può aiutare le future ricerche sul Covid-19

Data pubblicazione: 23/10/2020
Categoria: Ultime notizie - Autore: Staff Ambimed

Il più grande studio al mondo sui sopravvissuti ad ebola può aiutare le future ricerche sul Covid-19

Si è concluso un importante studio riguardante l'immunità dal virus Ebola pubblicato su Lancet Infectious Diseases (Longitudinal antibody and T cell responses in Ebola virus disease survivors and contacts: an observational cohort study), con risultati che potrebbero avere implicazioni per la ricerca sull'immunità per SARS-CoV-2, spiegano in un articolo sul The Guardian.

Uno studio recente sulla pandemia COVID-19 ha suggerito che gli anticorpi per SARS-CoV-2  potrebbero durare solo due mesi, portando a ipotizzare che l'immunità al virus potrebbe non essere di lunga durata e coloro precedentemente contagiati  sarebbero a rischio di reinfezione. Ma gli attuali test post-Covid riguardano solo gli anticorpi e non misurano i linfociti T o B.

"Solo perché gli anticorpi non sono stati rilevati, non significa necessariamente che qualcuno non abbia acquisito l'immunità", ha affermato l'autore principale del rapporto, Miles Carroll, professore all'Università di Oxford e vicedirettore del servizio nazionale di infezione presso la sanità pubblica Inghilterra a Porton Down, Wiltshire.

Lo studio, risultato della ricerca più lunga e completa al mondo sui sopravvissuti alla devastante epidemia Ebola dell'Africa occidentale tra il 2013 e il 2016, consente agli scienziati di "valutare in modo univoco sia gli anticorpi neutralizzanti che le risposte delle cellule T" prelevando campioni di sangue in tre anni da 117 sopravvissuti, 66 contatti e 23 soggetti di controllo negativo in Guinea.

Il loro studio rivela che il 95% dei sopravvissuti aveva entrambi gli anticorpi o una risposta dei linfociti T al virus e non c'era "nessuna riduzione significativa" né negli anticorpi né nei linfociti T più di tre anni dopo l'infezione. Questi risultati suggeriscono che l'immunità acquisita naturalmente è 10 volte superiore a quella fornita dal nuovo vaccino contro l'Ebola, che è stato utilizzato con successo nella più recente epidemia del 2018-19 in Africa.

"Questa scoperta fornisce prove convincenti per la protezione a lungo termine contro la reinfezione da virus Ebola", afferma lo studio.

Ciò che ha sorpreso gli scienziati è stata la scoperta che nove dei 66 contatti stretti, di solito madri, di quelli infettati da Ebola avevano sia gli anticorpi che i linfociti T per il virus senza rapporti verificabili di sintomi.

Il continuo alto titolo di anticorpi neutralizzanti e l'aumento della risposta delle cellule T potrebbero supportare il concetto di immunità protettiva a lungo termine nei sopravvissuti. L'esistenza di risposte anticorpali e delle cellule T nei contatti di individui con malattia da virus Ebola aggiunge ulteriori prove all'esistenza di infezione sub-clinica da virus Ebola.

"Da questi dati vorremmo suggerire che più persone sono state effettivamente infettate dal virus di quanto suggeriscano i rapporti ufficiali", ha affermato al the Guardian. Ciò potrebbe avere implicazioni per la comprensione dell'immunità ad altri virus, un concetto ora sotto i riflettori a causa del Covid-19.

Fonte: The Guardian

Progettazione e realizzazione del sito a cura di TECNASOFT
Seguici anche su