Il tocilizumab offre ancora risultati incoraggianti

Data pubblicazione: 19/02/2021
Categoria: Covid-19 - Autore: Staff Ambimed

Il tocilizumab offre ancora risultati incoraggianti

Il più grande studio al mondo sui farmaci anti COVID-19 ha pubblicato in versione pre-print (medRxiv) ottimi risultati: il farmaco antinfiammatorio tocilizumab ha ridotto il rischio di decesso delle persone ricoverate in ospedale, ridotto la loro necessità di un ventilatore meccanico e ridotto i giorni di degenza.

"Questo è un risultato incredibilmente significativo", afferma Athimalaipet Ramanan, un reumatologo presso l'Università di Bristol che non è stato coinvolto nello studio ma fa parte del comitato direttivo di uno studio su tocilizumab in India. "Questo è probabilmente solo il secondo farmaco che ha un impatto sulla mortalità", dice, dopo lo steroide desametasone.

Usato per trattare l'artrite reumatoide e altre malattie autoimmuni, tocilizumab è un anticorpo monoclonale che blocca la proteina che funge da recettore per l'interleuchina-6 (IL-6), una molecola di segnalazione nel sistema immunitario. Ciò smorza la risposta immunitaria, che è spesso iperattiva nello stadio avanzato del COVID-19, causando malattie gravi e talvolta il decesso.

Nello studio, 2022 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere tocilizumab e confrontati con 2094 altri randomizzati per ricevere le cure abituali; L'82% dei pazienti ha ricevuto anche desametasone. Dopo 28 giorni, 596 pazienti nel gruppo tocilizumab erano deceduti, rispetto ai 694 nel gruppo di controllo, con una riduzione del tasso di mortalità dal 33% al 29%. Ciò significa che in media 25 pazienti devono essere trattati con il farmaco per salvare una vita.

Potrebbe sembrare un piccolo effetto rispetto a quello del desametasone, ma "una riduzione assoluta della mortalità del 4% non è marginale", afferma il medico Ashish Jha, decano della School of Public Health della Brown University.

I benefici sulla mortalità hanno riguardato tutti i gruppi, ha detto Martin Landray, un altro investigatore di Recovery, alla conferenza stampa: "Li abbiamo visti nei giovani e negli anziani, li abbiamo visti in uomini e donne, li abbiamo visti in diversi tipi di etnia, nelle persone che usano ventilatori invasivi, ventilatori non invasivi e nelle persone con solo supporto di ossigeno." Il farmaco ha anche ridotto significativamente la probabilità che un paziente COVID-19 progredisse verso la ventilazione meccanica invasiva.

Ma il tocilizumab è circa 100 volte più costoso del desametasone, circa £ 500 per ciclo di trattamento nel Regno Unito, contro £ 5 per lo steroide.  Si solleva ancora una volta domande su come assicurarsi che le popolazioni di tutto il mondo possano beneficiare dei progressi scientifici contro COVID-19.

Tocilizumab non è l'unico inibitore dell'IL-6 disponibile. Un altro inibitore chiamato sarilumab ha mostrato un effetto simile nello studio REMAP-CAP, ma i risultati devono ancora essere riportati.

Il più grande studio al mondo sulle terapie COVID-19, Recovery ha finora arruolato più di 36.000 pazienti in circa 170 cliniche del Regno Unito. Oltre a identificare due farmaci di successo, ha contribuito a escluderne molti altri, tra cui l'idrossiclorochina antimalarica, la combinazione di farmaci per l'HIV lopinavir / ritonavir e l'azitromicina, un antibiotico.

Fonte: SCIENCE

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT