L'Europa e le infezioni da Epatite B e C

Data pubblicazione: 16/04/2021 - Ultimo aggiornamento: 14/05/2021
Categoria: Ultime notizie - Autore: Staff Ambimed

L

L'epatite B e l’epatite C rappresentano una minaccia per la salute pubblica globale ed Europea, con circa 4,7 milioni di persone che convivono con l’infezione da virus dell'epatite B cronica (HBV) e 3,9 milioni con l’infezione da virus dell'epatite C cronica (HCV) nei paesi dell'UE.

Entrambe le infezioni sono una delle principali cause di cirrosi, carcinoma al fegato e mortalità. Le informazioni disponibili indicano che molte persone che vivono con infezioni croniche da HBV e HCV nell’area UE, rimangono non diagnosticate e inconsapevoli della loro infezione.

Il test per HBV e HCV è fondamentale per diagnosticare coloro che convivono con l’infezione e permettere loro l’accesso al trattamento, portando a migliori risultati di salute.

In linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha fissato obiettivi globali e regionali per l'eliminazione dell'epatite B e dell’epatite C. L'ufficio regionale dell'OMS per l'Europa ha sviluppato un piano d'azione contro l'epatite nella regione europea, con obiettivi per il 2020 utilizzando dei passaggi specifici lungo il continuum della cura: test, trattamento e cura / soppressione virale. L'obiettivo relativo ai test è che il 50% delle persone che convivono con infezioni croniche, da HBV e HCV, siano diagnosticate e quindi rese consapevoli della loro condizione.

Tra i dodici paesi che hanno riportato dati sufficienti, c'erano circa 1.597.377 di persone stimate con infezione cronica da HBV, di cui solo il 20,3% ha ricevuto la diagnosi.

Tra i quindici paesi che hanno riportato dati sia sul numero stimato di persone che convivono con l'infezione da HCV sia sul numero diagnosticato tramite il test dell'RNA, erano circa 1.422.285 le persone con infezione cronica da HCV, di cui solo il 26,8% erano state già diagnosticate.

È importante notare che la stima della percentuale di casi cronici di HBV e HCV diagnosticati è attualmente molto impegnativa poiché mancano dati affidabili sia sul numeratore (numero diagnosticato) che sul denominatore (numeri attuali infetti).  Sebbene i dati disponibili presentino lacune e limitazioni, indicano che, a partire dal 2017, la regione Europea era ben lontana dal raggiungere l'obiettivo dell'OMS per il 2020 del 50% delle persone diagnosticate. È necessario e urgente aumentare le risorse in strategie di monitoraggio e implementazione.

Popolazioni target per lo screening

Esistono diverse vie di trasmissione per HBV e HCV. L'HBV viene trasmesso tramite sangue, sperma e altri fluidi corporei, attraverso le seguenti vie: trasmissione sessuale, esposizione di pazienti e operatori sanitari in ambienti sanitari, uso di droghe per iniezione e trasmissione verticale (da madre a figlio). Sebbene la trasmissione verticale sia rara all'interno della regione europea, si verifica più frequentemente nelle regioni del mondo con una maggiore prevalenza di HBV.

L'HCV viene trasmesso attraverso il sangue, più comunemente attraverso l'uso di droghe iniettabili ma anche per via sessuale, principalmente tra uomini che hanno rapporti sessuali con uomini. L'HBV e l'HCV possono anche essere trasmessi tra paziente ed operatore sanitario in ambiente ospedaliero, tramite punture accidentali con sangue o prodotti ematici infetti o trapianto di organi / tessuti non sottoposti a screening.

 

Ostacoli allo screening

Dal livello del singolo paziente, alla politica più ampia e ai livelli strutturali, ci sono diversi importanti ostacoli all’esecuzione dei test di screening per l'epatite. In generale, ci sono bassi livelli di conoscenza e consapevolezza delle infezioni da HBV / HCV e anche della necessità di ricercare queste infezioni talvolta latenti tra i pazienti, il pubblico in generale e gli operatori sanitari. La natura asintomatica di gran parte del decorso dell'HBV e dell'HCV cronici probabilmente impedisce alle persone che convivono con queste infezioni di chiedere attivamente il test.

La mancanza di formazione, istruzione, sostegno e promozione dei test, può spesso rappresentare un ostacolo all'offerta dello screening da parte di medici e amministratori nelle istituzioni sanitarie. Inoltre, molte popolazioni a rischio di epatite B e di epatite C sono socialmente emarginate. La povertà, le vite instabili o non strutturate, altri problemi di salute, sociali e la paura e / o l'esperienza dello stigma e della discriminazione, possono impedire ai membri di alcune fasce più vulnerabili di cercare e accedere ai test.

 

Ambiti di azione prioritari

  • La scarsità e incompletezza dei dati riguardanti le infezioni da HBV e HCV sia a livello globale che nella Regione Europea, rappresentano una sfida importante per monitorare i progressi verso gli obiettivi dell'OMS e degli obiettivi di sviluppo sostenibile per l'eliminazione dell'epatite come minaccia per la salute pubblica. Al fine di guidare le risposte nazionali verso tali obiettivi, è necessario che i paesi diano priorità al miglioramento della raccolta e della comunicazione di dati di alta qualità;
  • Un'alta percentuale di persone che convivono con infezione da epatite B e C non è diagnosticata. È necessario che i paesi diano urgentemente priorità al miglioramento dell'offerta e della copertura dei test di screening, in particolare per le popolazioni più vulnerabili.

 

Fonte: ECDC

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT