La corsa al vaccino antinfluenzale durante la pandemia Covid-19

Data pubblicazione: 28/09/2020
Categoria: Ultime notizie - Autore: Beatrice Formenti

La corsa al vaccino antinfluenzale durante la pandemia Covid-19

Le raccomandazioni aggiornate dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) sulla prevenzione dall’influenza arrivano alle porte di un autunno cruciale, che ci vedrà impegnati alla lotta alla pandemia COVID-19 e agli altri virus respiratori.

"In effetti c'è stata una maggiore domanda e ora sentiamo che i paesi che stanno cercando di ottenere il vaccino contro l'influenza non possono ottenerlo", ha detto la dott.ssa Ann Moen dell'OMS.

Il gruppo consultivo strategico di esperti sull’immunizzazione (SAGE) vuole evitare che i sistemi sanitari nazionali vengano sopraffatti da continue richieste per il vaccino antinfluenzale e vogliono prevenire casi di fraintendimenti quando bisognerà curare persone da malattie respiratorie.

"Sulla base di una serie di considerazioni, inclusa la riduzione del carico aggiuntivo sui sistemi sanitari e sulle popolazioni vulnerabili e la gestione di scorte potenzialmente limitate di vaccini antinfluenzali, SAGE ha raccomandato ... tra i cinque gruppi valutati come a rischio, che gli operatori sanitari e gli anziani avranno la massima priorità per la vaccinazione antinfluenzale durante la pandemia COVID-19".

I cinque gruppi identificati da SAGE sono i seguenti:

  • Donne incinte
  • Bambini
  • Anziani
  • Persone con concomitanti patologie
  • Operatori sanitari

Non è stata stilata nessuna classifica per priorità, se non per le donne incinte che sono considerate come la priorità più alta.

Se possibile, tutti questi gruppi dovrebbero continuare a essere vaccinati come "la strategia migliore per ridurre la malattia", ha detto il dottor Moen, aggiungendo che la misura è in vigore da 50 anni senza effetti collaterali negativi noti.

La somiglianza dei sintomi del COVID-19 con quelli dell’influenza rischiano di causare un sovraffollamento degli ospedali, è per questo che il vaccino antinfluenzale viene definitivo come un’arma in grado di ridurre la diffusione del virus nonostante il vaccino antinfluenzale non protegga le persone dal coronavirus.

Il funzionario dell'OMS ha osservato che l'influenza stagionale colpisce individui in ogni paese e provoca "fino a un miliardo di casi, da tre a cinque milioni di casi gravi e in media da 290.000 a 650.000 decessi ogni anno".

Ogni anno vengono prodotte circa 500 milioni dosi di vaccino. Nonostante un numero così elevato quest’anno è prevista una carenza di dosi data l’alta richiesta che hanno ricevuto i produttori farmaceutici nella scorsa primavera, in piena pandemia di COVID-19.

Rispondere rapidamente all'aumento della domanda di vaccinazioni può essere relativamente lento, "Abbiamo sentito che dalle nostre associazioni di settore che sono state in grado di aumentare alcuni degli ordini per alcuni paesi e hanno preparato un vaccino aggiuntivo che hanno distribuito, ma nel complesso sembra che ci sia una domanda maggiore rispetto al numero di vaccini ".

 

Fonte: UNNEWS

https://news.un.org/en/story/2020/09/107368

Progettazione e realizzazione del sito a cura di TECNASOFT
Seguici anche su