La nuova mutazione UK del Covid-19 che fa paura all'Europa

Data pubblicazione: 22/12/2020
Categoria: Ultime notizie - Autore: Staff Ambimed

La nuova mutazione UK del Covid-19 che fa paura all

Nelle ultime settimane, il Regno Unito (UK) ha dovuto affrontare un rapido aumento dei casi di COVID-19 nel sud-est dell'Inghilterra, che ha necessitato di indagini epidemiologiche e virologiche approfondite. L'analisi dei dati sulla sequenza del genoma virale ha identificato un'ampia percentuale di casi che apparteneva a un nuovo singolo cluster filogenetico. La nuova variante è definita da mutazioni multiple della proteina spike, così come da mutazioni in altre regioni genomiche. Un'analisi preliminare nel Regno Unito suggerisce che questa variante è significativamente più trasmissibile rispetto alle varianti circolanti in precedenza, con un potenziale stimato di aumentare il numero riproduttivo (Rt) di 0,4 o superiore, con una trasmissibilità aumentata stimata fino al 70%.

I virus cambiano costantemente attraverso le mutazioni e l'emergere di una nuova variante è un evento previsto e non di per sé motivo di preoccupazione. Una diversificazione di SARS-CoV-2 dovuta all'evoluzione e ai processi di adattamento è stata osservata a livello globale e si prevede che si verifichi con la trasmissione continua di virus in generale e in particolare per i virus a RNA.

La maggior parte delle mutazioni che emergono non forniranno un vantaggio selettivo al virus. Tuttavia, alcune mutazioni o combinazioni di mutazioni possono fornire al virus un vantaggio selettivo, come una maggiore trasmissibilità attraverso un aumento del legame del recettore o la capacità di eludere la risposta immunitaria dell'ospite alterando le strutture superficiali riconosciute dagli anticorpi. Precedenti indagini sulla variante D614G hanno identificato che mentre la variante 614G forniva un vantaggio selettivo, attraverso una maggiore infettività cellulare, non c'era alcun effetto identificabile sulla gravità o sull'esito dell'infezione.

Le mutazioni osservate nella nuova variante sono correlate al sito di legame del recettore e ad altre strutture superficiali, che possono alterare le proprietà antigeniche del virus. Sulla base del numero e della posizione delle mutazioni della proteina spike, sembra probabile che si vedrà una certa riduzione della neutralizzazione da parte degli anticorpi, ma non ci sono ancora prove che ci sia un impatto risultante su un aumento del rischio di reinfezione o una minore efficacia del vaccino. É bene ricordare che la maggior parte dei nuovi vaccini candidati si basa sulla sequenza della proteina spike. È quindi essenziale monitorare i cambiamenti in questa proteina tra i ceppi di SARS-CoV-2 circolanti e valutare i possibili cambiamenti antigenici. La caratterizzazione antigenica della nuova variante è in corso ei risultati sono attesi nelle prossime settimane. Sarà importante effettuare la sorveglianza dell'efficacia sul campo dei vaccini COVID-19 in uso, se possibile includendo stime specifiche del virus variante.

Va ricordato che l'immunità dei linfociti T gioca un ruolo nella protezione e nell'eliminazione delle infezioni da virus COVID-19. Sebbene l'immunità dei linfociti T sia in corso di valutazione sia a seguito dell'infezione da SARS-CoV-2 che a seguito della vaccinazione, non è ancora noto quale ruolo potrebbe avere per i correlati di protezione.

Questa nuova variante è emersa in un periodo dell'anno particolare, in cui è tradizionalmente aumentato il contatto familiare e sociale. Non ci sono attualmente evidenze scientifiche che identificano una maggiore gravità dell'infezione associata alla nuova variante. Ad oggi, alcuni casi con la nuova mutazione sono stati segnalati da Danimarca, Paesi Bassi, Belgio e Italia.

Il dottor Muge Cevik, membro del New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group (Nervtag) del governo UK, ha affermato che finora sono state osservate più di 4.000 mutazioni Sars-Cov-2, di cui forse solo “una manciata sembrava essere rilevante”.

I dati raccolti e analizzati finora sono coerenti con l’ipotesi che la mutazione sia più contagiosa o in grado di diffondersi in modo più efficiente, ma non abbiamo la conferma basata sul laboratorio, ha affermato Stuart Neil, professore di virologia al King's College di Londra. La variante è stata associata al 10-15% dei casi in alcune aree poche settimane fa, ma la scorsa settimana è aumentata a circa il 60% di tutti i casi di Londra.

Di maggiore preoccupazione per gli scienziati al momento sono i cambiamenti nella proteina spike della mutazione, la parte del virus che gli consente di infiltrarsi nelle cellule nei polmoni, nella gola e nella cavità nasale interagendo con un recettore chiamato ACE-2. Questa mutazione può aumentare la capacità del virus di interagire con ACE-2, dandogli un vantaggio di crescita.

Gli esperti affermano però anche che si conosce ancora troppo poco della nuova mutazione per comprendere il suo impatto sulle norme e linee guida vigenti in termini di distanziamento sociale e l’uso della mascherina.

FONTE: ECDC; The Guardian

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT