La sfida del Covid 19 in Africa

Data pubblicazione: 14/08/2020
Categoria: Ultime notizie - Autore: Beatrice Formenti

La sfida del Covid 19 in Africa

Attualmente l'Africa è il continente che ha segnalato il minor numero di casi confermati di Covid-19 al mondo, ad eccezione della regione del Pacifico occidentale, secondo i dati più recenti dell'OMS. In totale, gli stati membri dell'OMS in Africa hanno confermato 623.851casi, di cui più della metà si trova in Sudafrica. In tutto il continente, almeno 10.116 sono i decessi confermati.

Tuttavia, le nazioni africane detengono un più triste primato, quello del più basso tasso di test diagnostici, con la Nigeria che offre un solo test al giorno ogni 100.000 persone (di cui 18,44% positivo), il Ghana 10 test al giorno ogni 100.000 abitanti (10% positivo) e il Sudafrica a 26 test ogni giorno per 100.000 persone (7,25% positivo). Per fare un confronto, gli Stati Uniti d’America offrono 168 test al giorno ogni 100.000, con il 6,51% positivo, secondo i dati provenienti dalla Johns Hopkins University.

Valutando l'intera portata della situazione tra i suoi stati membri, la dott.ssa Miriam Nanyunja, consulente regionale per la gestione del rischio d’emergenza per l'OMS in Africa, ha affermato che la pandemia non si è diffusa in tutti i paesi dell'Africa allo stesso modo. Nello specifico, ha sottolineato che l'88% dei casi confermati si trova in 10 paesi, guidati dal Sudafrica e comprendenti Nigeria, Ghana, Algeria, Camerun, Costa d'Avorio, Kenya, Etiopia, Senegal e Repubblica democratica del Congo. L'Egitto, che ha oltre 89.000 casi, è escluso dall’elenco solo perché non fa parte della regione africana dell'OMS. Il 60% dei casi riguarda persone di età inferiore ai 60 anni, con l’età media di 38 anni, secondo i dati dell'OMS.

Il team di ricerca e analisi di Direct Relief ha monitorato la vulnerabilità nella regione in base: al numero di casi pro capite, al numero di letti ospedalieri, al numero di casi di HIV, all'insicurezza alimentare, alla popolazione di età superiore ai 60 anni e ad altri fattori di rischio. Questo mese Mali, Mauritania, Benin, Ciad e Tunisia hanno ridotto la loro vulnerabilità mentre sono aumentate le vulnerabilità di Lesotho, Namibia, Congo, Swaziland, Zambia, Madagascar e Sudafrica.

Nanyunja ha affermato che molti Stati membri, specialmente nell'Africa occidentale e centrale, sono stati in grado di sfruttare la forte esperienza e i principi dell'epidemia di Ebola del 2014.

“I focolai di Ebola ci hanno insegnato una grande lezione sull'importanza della comunicazione nella risposta efficace: creare fiducia nella comunità locale. Dobbiamo includere la sensibilità culturale nella risposta. "

Fonte: DIRECT RELIEF How and where covid 19 is spreading in africa

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT