Redazionale

La singola dose di vaccino contro l’HPV offre una protezione efficace contro il cancro cervicale

Data pubblicazione: 14/04/2022 - Ultimo aggiornamento: 28/05/2022
Categoria: News - Autore: Staff Ambimed

La singola dose di vaccino contro l’HPV offre una protezione efficace contro il cancro cervicale

La convocazione del 4-7 aprile dello Strategic Advisory Group of Experts on Immunization (SAGE) dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha analizzato le evidenze emerse dagli studi clinici degli ultimi anni in merito all'efficacia della dose singola del vaccino contro il papillomavirus umano (HPV).

La revisione di SAGE ha concluso che un vaccino contro l'HPV a dose singola offre una solida protezione contro il papillomavirus, paragonabile ai programmi a 2 dosi. Questa nuova evidenza potrebbe essere un punto di svolta per la prevenzione della malattia.

Spesso indicato come il "killer silenzioso" e quasi del tutto prevenibile, il cancro cervicale è una malattia dell'iniquità di accesso alla vaccinazione; la nuova raccomandazione SAGE è infatti supportata dalle preoccupazioni per la lenta introduzione del vaccino HPV nei programmi di immunizzazione e per la bassa copertura della popolazione, specialmente nei paesi a risorse economiche più limitate.

Più del 95% del cancro cervicale è causato dall'HPV a trasmissione sessuale, che è il quarto tipo di cancro più comune nelle donne a livello globale, con il 90% di queste donne che vivono in paesi a basso e medio reddito.

"Il vaccino HPV è altamente efficace per la prevenzione dei sierotipi HPV 16 e 18, che causano il 70% del cancro cervicale", ha affermato il dottor Alejandro Cravioto, presidente SAGE. “SAGE esorta tutti i paesi a introdurre i vaccini contro l'HPV e a dare priorità alle coorti multi-età. Queste raccomandazioni consentiranno a più ragazze e donne di essere vaccinate, limitando il rischio di sviluppare il cancro cervicale nel corso della loro vita”.

SAGE raccomanda di aggiornare i programmi di dosaggio per l'HPV come segue:

  • schedula a una o due dosi per il target primario delle ragazze di età 9-14;
  • schedula a una o due dosi per le giovani donne di età 15-20;
  • schedula a due dosi con un intervallo di 6 mesi per le donne di età superiore ai 21 anni.

Gli individui immunocompromessi, compresi quelli con HIV, dovrebbero ricevere tre dosi, se possibile. Non ci sono ancora infatti evidenze sufficienti sull'efficacia di una singola dose in questo gruppo di popolazione.

Il vicedirettore generale dell'OMS, la dott.ssa Princess Nothemba Simelela, ha commentato: "Credo fermamente che l'eliminazione del cancro cervicale sia possibile. Nel 2020 è stata lanciata la Cervical Cancer Elimination Initiative per affrontare diverse sfide, inclusa l'iniquità nell'accesso al vaccino. Questa raccomandazione a dose singola ha il potenziale per portarci più velocemente al nostro obiettivo di vaccinare il 90% delle ragazze di età inferiore ai 15 anni entro il 2030".

A livello globale, l'adozione del vaccino salvavita è stata lenta e la copertura nei paesi è molto inferiore all'obiettivo di vaccinare il 90% della popolazione elegibile. Di conseguenza, nel 2020 la copertura globale con 2 dosi era solo del 13%. Diversi fattori hanno influenzato la lenta adozione e la scarsa copertura dei vaccini HPV, comprese le sfide di approvvigionamento, nonché le sfide programmatiche e il costo relativamente alto dei vaccini HPV, in particolare per i paesi a reddito medio.

La dott.ssa Simelela ha proseguito: “abbiamo bisogno di un impegno politico integrato con percorsi equi per l'accessibilità del vaccino HPV. Non farlo è un'ingiustizia per la generazione di ragazze e giovani donne che potrebbero essere a rischio di cancro al collo dell'uteroL'opzione per una singola dose del vaccino è meno costosa, meno dispendiosa in termini di risorse e più facile da somministrare. Facilita l'implementazione di campagne di recupero per più fasce d'età, riduce le sfide legate al rintracciamento delle ragazze per la loro seconda dose e consente di reindirizzare le risorse finanziarie e umane ad altre priorità sanitarie".

Fonte: World Health Organization

Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT