Redazionale

Le infezioni a trasmissione sessuale in aumento negli USA

Data pubblicazione: 15/11/2021 - Ultimo aggiornamento: 28/05/2022
Categoria: News - Autore: Staff Ambimed

Le infezioni a trasmissione sessuale in aumento negli USA

Le autorità sanitarie negli Stati Uniti (USA) sono preoccupate per il continuo aumentare delle infezioni a trasmissione sessuale (IST), nonostante le norme di restrizione sociale della pandemia COVID-19.

Da decenni gli Stati Uniti stanno combattendo l’aumentare dei tassi di malattie sessualmente trasmissibili, il trend è in aumento da sei anni consecutivi. A seguito di un calo artificiale registrato nelle notifiche di queste infezioni durante la pandemia di COVID-19, i tassi di IST sono ora di nuovo in aumento, mentre la maggior parte dell’impegno continua ad oggi essere allocato per affrontare la pandemia.

"I tassi di IST sono ai massimi livelli nella storia americana e questo è continuato durante la pandemia fino al momento attuale", ha affermato il direttore esecutivo della National Coalition of STD directors (NCSD), David C. Harvey.

Gli esperti hanno definito la ripresa dei casi di IST come il risultato di una tempesta perfetta tra:

  • ritardo nei test di screening e diagnosi;
  • cambiamenti dei comportamenti man mano che le restrizioni sulla pandemia venivano revocate a livello nazionale;
  • problemi persistenti relativi all'educazione sulle malattie sessualmente trasmissibili;
  • calo generalizzato dell'uso del preservativo;
  • debole sanità pubblica decentrata;
  • rivolta alle comunità.

Sebbene troppo spesso trascurata, la crisi delle infezioni sessualmente trasmissibili presenta un grave problema di salute pubblica. Queste infezioni se non trattate possono avere conseguenze sulla salute a lungo termine, tra cui infertilità, neoplasie, difetti alla nascita e persino il decesso.

Strategie come test regolari, almeno una volta all'anno per coloro che sono sessualmente attivi, nonché strategie preventive chiave come l'uso del preservativo, la limitazione dei partner sessuali e i test tra partner, sono ancora più importanti dato che molte delle IST possono apparire asintomatiche, soprattutto nelle prime fasi di infezione.

Per molte epidemie sanitarie la pandemia ha complicato la capacità dei servizi sanitari di diagnosticare e curare i pazienti. Molte cliniche per la salute sessuale che normalmente esaminerebbero i pazienti hanno dovuto chiudere nelle prime fasi della pandemia, con quattro cliniche su cinque che hanno sospeso il servizio, secondo un sondaggio di NCSD.

Inoltre, l'assistenza sanitaria di routine è stata sospesa poiché gli ospedali erano – e in alcuni casi rimangono – sopraffatti dai casi di coronavirus, limitando ulteriormente i test e le cure.

"C'è stata una massiccia interruzione della nostra capacità di testare e trattare in America e questo ha esacerbato e peggiorato il problema", ha detto Harvey.

Anche i cambiamenti nel comportamento sessuale con l'abolizione delle restrizioni di Covid-19 in tutta la nazione hanno portato ad un aumento dei tassi di IST. Come notato dagli esperti, le persone che in precedenza avevano limitato il sesso occasionale durante la pandemia hanno continuato i comportamenti pre-pandemia, solo che questa volta la capacità di screening per le IST dei servizi sanitari non è riuscita a stare al passo, smorzata a causa della pandemia. 

La prevenzione delle IST è continuamente sottofinanziata con il budget del CDC per la prevenzione delle IST che è diminuito del 40% dal 2003.

Inoltre, Harvey allarma che molte persone hanno una comprensione limitata delle IST data la mancanza di educazione alla salute sessuale negli Stati Uniti. Anche l'uso del preservativo, una componente fondamentale della prevenzione delle infezioni sessualmente trasmissibili, è in declino nonostante i tassi già bassi, in particolare tra i giovani che fanno sesso per la prima volta.

Visti i dati il governo federale sta pianificando alcune strategie per aumentare i finanziamenti e creare un piano completo sui test e sul trattamento. Nel 2020, il Congresso ha aumentato i finanziamenti per la prevenzione delle IST di 3,5 milioni di dollari, un importo storico date le continue diminuzioni. I funzionari sanitari hanno anche creato il primo piano strategico nazionale IST, che spiegherebbe come migliorare la salute sessuale a livello nazionale tra il 2021 e il 2025.

Harvey avverte che è necessario uno sforzo coordinato da parte delle agenzie sanitarie nazionali come i Centers for Disease Control and Prevention, i National Institutes of Health e i Centers for Medicare e Medicaid Services per combattere la crisi calante delle IST.

"In assenza di un massiccio sforzo nazionale e di un aumento dei finanziamenti, sfortunatamente continueremo a vedere aumenti delle infezioni trasmesse sessualmente", ha affermato Harvey.

Fonte:

The Guardian

Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT