Rilevato il SARS-CoV-2 su un lotto di carne surgelata proveniente dal Brasile

Data pubblicazione: 26/08/2020
Categoria: Ultime notizie - Autore: Beatrice Formenti

Rilevato il SARS-CoV-2 su un lotto di carne surgelata proveniente dal Brasile

Uno stock di ali di pollo surgelate importate dal Brasile in Cina (Shenzhen, nella Cina meridionale) è risultato positivo al SARS-COV-2.

Il coronavirus è stato rilevato a metà agosto su un campione di superficie prelevato da un lotto di ali di pollo durante lo screening di alimenti congelati importati.

Le autorità sanitarie di Shenzhen hanno immediatamente rintracciato e testato le persone che potrebbero essere entrate in contatto con il prodotto e tutti sono risultati negativi. Hanno poi proseguito rintracciando i prodotti correlati della stessa marca che sono già stati venduti e hanno disinfettato l'area in cui era conservato lo stock contaminato.

Il Brasile ha finora segnalato oltre 3,1 milioni di casi di coronavirus, il secondo più alto al mondo dopo gli Stati Uniti (Johns Hopkins University).

La notizia delle ali di pollo contaminate arriva il giorno dopo che il coronavirus è stato trovato sulla confezione di gamberetti importati dall'Ecuador, un altro paese sudamericano, in un ristorante nella provincia orientale dell'Anhui durante un'ispezione di routine, secondo quanto riferito dall'emittente statale cinese CCTV.

Da luglio, ci sono stati sette casi in cui il virus è stato rilevato sulla confezione di prodotti ittici importati in tutto il paese, secondo i resoconti dei media statali.

Questi incidenti hanno suscitato preoccupazioni sulla sicurezza degli alimenti importati. Le autorità sanitarie cinesi hanno ripetutamente detto al pubblico di essere cauto nell'acquisto di carne e pesce importati. Ma le autorità sanitarie, tra cui l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), hanno affermato che la possibilità di contrarre il virus attraverso il cibo rimane molto bassa.

L'OMS afferma che è "altamente improbabile che le persone possano contrarre il Covid-19 da alimenti o imballaggi alimentari". Secondo il CDC, il rischio di infezione del virus da prodotti alimentari, imballaggi alimentari o sacchetti è "ritenuto molto basso".

Entrambe le organizzazioni sottolineano che il coronavirus si diffonde principalmente da persona a persona attraverso goccioline respiratorie quando una persona infetta tossisce, starnutisce o parla.

Sebbene sia possibile contratte il SARS-COV-2 toccando una superficie o un oggetto, inclusi alimenti o imballaggi alimentari su cui è presente il virus, e poi toccando la bocca, il naso o forse gli occhi, non si ritiene che sia il principale modo in cui il virus si diffonde, secondo il CDC.

"Non ci sono prove fino ad oggi di virus che causano malattie respiratorie trasmesse tramite cibo o imballaggi alimentari. I coronavirus non possono moltiplicarsi nel cibo in quanto hanno bisogno di un ospite animale o umano per moltiplicarsi", dice l'OMS.

FONTE: Nectar Gan, CNN

Progettazione e realizzazione del sito a cura di TECNASOFT
Seguici anche su