Speranze dalla nuova terapia con gli anticorpi monoclonali nella lotta al Covid-19

Data pubblicazione: 28/12/2020
Categoria: Covid-19 - Autore: Staff Ambimed

Speranze dalla nuova terapia con gli anticorpi monoclonali nella lotta al Covid-19

Scienziati britannici stanno sperimentando un nuovo farmaco che potrebbe impedire di sviluppare la malattia Covid-19. La terapia con anticorpi monoclonali conferirebbe un'immunità immediata contro la malattia e potrebbe essere somministrata come trattamento di emergenza ai pazienti ospedalizzati e ai residenti delle case di cura per aiutare a contenere i focolai.

La dott.ssa Catherine Houlihan, virologa presso l'University College London Hospitals NHS Trust (UCLH) che sta conducendo uno studio chiamato Storm Chaser sul farmaco, ha affermato: "Se possiamo dimostrare che questo trattamento prevenga che le persone esposte al virus sviluppino la Covid-19, sarebbe un'aggiunta entusiasmante all'arsenale di armi in fase di sviluppo per combattere questo terribile virus ".

Il farmaco è stato sviluppato da UCLH e AstraZeneca, la società farmaceutica che, insieme all'Università di Oxford, ha anche creato un vaccino che l'Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari dovrebbe approvare per l'uso in Gran Bretagna la prossima settimana.

Il team spera che lo studio dimostri che gli anticorpi proteggano dal virus per un periodo compreso tra sei e 12 mesi.

Lo studio coinvolge l'UCLH, diversi altri ospedali britannici e una rete di 100 siti in tutto il mondo. Questo mese l'ospedale dell'University College è diventato il primo sito al mondo a reclutare pazienti nello studio di controllo randomizzato e dare loro il farmaco sperimentale o un placebo, in due dosi.

Il farmaco comprende una combinazione di anticorpi a lunga durata d'azione nota come AZD7442, sviluppata da AstraZeneca. Anziché gli anticorpi prodotti dall'organismo per aiutare a combattere un'infezione, AZD7442 utilizza anticorpi monoclonali, che sono stati creati in un laboratorio.

Nei documenti su una sperimentazione clinica che AstraZeneca ha registrato negli Stati Uniti, si spiega che sta studiando l'efficacia di AZD7442 per la profilassi post-esposizione di Covid-19 negli adulti. La proteina spike Sars-CoV-2 contiene il RBD [dominio di legame del recettore] del virus, che consente al virus di legarsi ai recettori delle cellule umane. Prendendo di mira questa regione della proteina spike, gli anticorpi possono bloccare l'attacco del virus alle cellule umane e quindi bloccare l'infezione ".

In uno studio separato, chiamato Provent, l'UCLH sta valutando se il farmaco potrebbe proteggere anche le persone con un sistema immunitario compromesso, come quelle sottoposte a chemioterapia, che sono state recentemente esposte al virus che però non ha provocato l'immunità a causa della loro condizione sottostante.

Il dottor Nicky Longley, un consulente in malattie infettive presso l'UCLH, sta conducendo il secondo studio e ha dichiarato: "Recluteremo persone che sono più anziane o in cure a lungo termine e che hanno condizioni come neoplasie o l'HIV, che possono influenzare la capacità del loro sistema immunitario a rispondere al vaccino. Vogliamo rassicurare chiunque per il quale un vaccino potrebbe non funzionare che possiamo offrire un'alternativa altrettanto protettiva".

La protezione immediata che il farmaco promette potrebbe svolgere un ruolo fondamentale nel ridurre l'impatto del virus fino a quando tutti saranno immunizzati. Paul Hunter, professore di medicina presso l'Università dell'East Anglia specializzato in malattie infettive, ha affermato che il nuovo trattamento potrebbe ridurre significativamente il bilancio delle vittime di Covid-19. “Se hai a che fare con epidemie in contesti come le case di cura, o se hai pazienti particolarmente a rischio di contrarre la Covid grave, come gli anziani, allora questo potrebbe salvare molte vite".

Entrambe le sperimentazioni sono in corso presso il nuovo centro di ricerca sui vaccini dell'UCLH, finanziato dal braccio di ricerca del NHS, l'Istituto nazionale per la ricerca sanitaria ed è guidato dal Prof Vincenzo Libri.

Fonte: The Guardian

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT