Un quarto di miliardo di persone in Africa sarà colpito dal COVID-19

Data pubblicazione: 20/05/2020
Categoria: Ultime notizie - Autore: Staff Ambimed

Un quarto di miliardo di persone in Africa sarà colpito dal COVID-19
Secondo recenti studi, il prossimo anno quasi un quarto di miliardo di persone in 47 paesi africani sarà colpito dal nuovo coronavirus (COVID-19), ma il risultato sarà un numero inferiore di casi gravi e decessi rispetto agli Stati Uniti e in Europa.

Un modello dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Africa, pubblicato nel BMJ Global Health, prevede un tasso di trasmissione e diffusione virale più basso in tutto il continente che altrove, causando fino a 190.000 decessi.
Ma gli autori avvertono l'aumento associato dei ricoveri ospedalieri, i bisogni di assistenza e "un enorme impatto" su servizi come l'immunizzazione e la maternità, sopraffarranno i servizi sanitari già estesi.
Circa uno su quattro (22%) del miliardo di persone nei paesi in studio sarebbe infetto nel primo anno della pandemia, suggerisce il modello. Tuttavia, è probabile che la malattia rimanga a lungo, probabilmente per diversi anni.
Il profilo di età molto più giovane del continente rispetto ad altri paesi e i bassi tassi di obesità nei paesi africani, sono dei fattori che possono contribuire a rallentare il progredire degli effetti.
"Il più grande fattore che si manifesta nei nostri numeri è l'età", ha detto l'analista di dati Humphrey Karamagi. “Abbiamo anche pochissime persone obese, anche se il numero è in aumento. Ma non ai livelli negli Stati Uniti. "

"Abbiamo cercato di tener conto di ciò che stiamo vedendo sul campo", ha detto Karamagi. "E stiamo assistendo a tassi di trasmissione più lenti nei paesi africani rispetto a Europa e Stati Uniti."
Alcuni commentatori hanno ipotizzato che i paesi africani potrebbero riferire meno casi perché non li stanno rilevando, ma Karamagi indica il Sudafrica, che ha "buone capacità di rilevamento, ma numeri bassi".
"Potrebbe esserci un effetto di segnalazione, ma non pensiamo che spieghi completamente i tassi, quando vediamo il modello che stiamo vedendo. C'è qualcosa nella struttura socio-culturale o di sviluppo o ambientale che sta rallentando le velocità di trasmissione ", ha aggiunto.

I ricercatori hanno calcolato il rischio di esposizione e stimato il numero di infezioni e decessi per ciascuno dei 47 paesi nella regione dell'OMS. "Stiamo includendo un rischio di esposizione nella nostra stima del rischio di trasmissione", ha affermato Karamagi.
Il rischio di esposizione, che è specifico per paese, è determinato da fattori tra cui il numero di persone in una famiglia, la densità di popolazione, la percentuale di popolazione che vive nei bassifondi e l'infrastruttura stradale.
Per capo di popolazione, Mauritius, Seychelles e Guinea Equatoriale avranno probabilmente il maggior numero di casi.
I paesi più grandi, tra cui Camerun, Sudafrica e Algeria, sarebbero maggiormente a rischio, mentre la Nigeria avrà il maggior numero di infezioni in tutto, seguita da Algeria e Sudafrica.
I livelli di diabete in Africa sono simili a quelli degli altri paesi e continenti, ma è più probabile che la condizione non venga diagnosticata, quindi ci si aspetta un numero maggiore di casi di infezioni gravi nelle persone ritenute sane.
"Il modello che sembra emergere è che sono le malattie dello stile di vita che spingono qualcuno a una malattia grave rispetto alle malattie della povertà", ha detto Karamagi. "Abbiamo un minor numero di persone le cui infezioni si evolveranno in una malattia più grave."

Il tasso di mortalità per infezione in Africa, ha detto, è stato stimato dello 0,06%, rispetto a circa lo 0,1% altrove.
 
Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT