Coronavirus: nuove speranze dal plasma convalescente

Data pubblicazione: 13/04/2020
Categoria: Covid-19 - Autore: Beatrice Formenti

Coronavirus: nuove speranze dal plasma convalescente
Medici ricercatori hanno dimostrato risultati molto speranzosi, indicativi del potenziale benefico delle infusioni di plasma sanguigno raccolte da persone precedentemente affette da Covid-19 e guarite.
In cina, team di ricerca hanno somministrato plasma ricco di anticorpi a 15 pazienti gravemente malati registrando notevoli miglioramenti in molti di essi.
In uno studio pilota, i medici di Wuhan hanno somministrato "plasma convalescente" a 10 pazienti gravemente malati e hanno scoperto che i valori viremici diminuivano rapidamente.
Xiaoming Yang, del National Engineering Technology Research Center for Combined Vaccines in Wuhan, ha descritto il trattamento come una "promettente opzione di salvataggio" per i pazienti gravemente malati, ma ha avvertito che è necessario un più ampio studio randomizzato per confermare i risultati.
Un'altra squadra di medici guidata da Lei Liu, dell'ospedale di Shenzhen Third People, ha somministrato plasma convalescente a cinque pazienti in condizioni critiche. Tutti hanno mostrato sintomi di miglioramento dopo le infusioni ed entro 10 giorni, tre pazienti sono stati in grado di essere svezzati dalla respirazione invasiva, secondo un rapporto preliminare del Journal of American Medical Association.

Questi primi risultati portano un grande senso di speranza. Il sangue donato da pazienti recentemente guariti potrebbe essere utilizzato per rafforzare il sistema immunitario delle persone più vulnerabili e aiutarli a combattere l'infezione, ma ad oggi è impossibile sapere quanti benefici apporta realmente il trattamento.

I trattamenti al plasma convalescente risalgono a prima della pandemia di influenza spagnola del 1918. La terapia si basa sul fatto che le persone che si sono riprese da un'infezione virale hanno anticorpi nel sangue che possono rilevare e distruggere rapidamente il virus al successivo attacco. L'infusione del plasma nei pazienti e potenzialmente nelle persone a rischio di infezione, può rafforzare il loro sistema immunitario e potenzialmente fornire protezione.

Il professor David Tappin, ricercatore presso l'Università di Glasgow, ha fatto domanda al National Institute for Health Research del Regno Unito per eseguire due studi clinici con plasma convalescente. Cercheranno prove che il plasma può proteggere i lavoratori in prima linea dalle infezioni, prevenire il deterioramento dei pazienti e la necessità di ventilazione in unità di terapia intensiva e migliorare le condizioni di coloro che sono già gravemente malati.
Tappin ha affermato che i casi riportati da Wuhan sono importanti perché hanno suggerito che la somministrazione di plasma a pazienti gravemente malati sembra essere sicura. "I risultati sono anche incoraggianti per questi pazienti, ma per essere certi che il plasma ricevuto sia il responsabile del miglioramento sul decorso naturale della malattia, devono essere condotti studi formali."

"È anche importante ricordare che esistono potenziali problemi di sicurezza con il plasma convalescente, inclusa la trasmissione di altri agenti e il potenziamento di anticorpi della malattia. Anche se dimostrato di funzionare, la scalabilità per trattare un gran numero di pazienti può diventare un problema."
 
Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT