Il vaccino per il Covid-19 in compresse

Data pubblicazione: 29/03/2021
Categoria: Covid-19 - Autore: Staff Ambimed

Il vaccino per il Covid-19 in compresse

Ci sono delle solide basi per l’inizio di un nuovo trial clinico che sperimenta l’uso del vaccino contro il COVID-19 ad uso orale, vale a dire sotto forma di una compressa.

L’ha annunciato Oravax, la società che lavora sul prototipo, che spera di iniziare la prima fase degli studi clinici sugli esseri umani entro giugno una joint venture di due società: la società israeliana-americana Oramed e la società indiana Premas Biotech.

Chiariscono che attualmente non vi è alcuna garanzia di successo e anche se dovesse portare a dei buoni risultati, potrebbe passare un anno o più, prima che sia autorizzato per l'uso (Moderna e Pfizer hanno iniziato le loro prime sperimentazioni sull'uomo rispettivamente a marzo e maggio 2020).

I vaccini orali sono un'opzione in fase di valutazione per i vaccini di "seconda generazione", che sono progettati per essere più facili da somministrare e più semplici da distribuire.

Un vaccino orale potrebbe "potenzialmente consentire alle persone di prendere il vaccino presso la propria abitazione", ha detto Nadav Kidron, CEO di Oramed.

Inoltre il vaccino potrebbe essere conservato a temperatura ambiente, rendendo logisticamente più facile la sua distirbuzione ed uso ovunque nel mondo.

In un'e-mail indirizzata a Insider, il Prof. Paul Hunter, Professore di Medicina presso l'Università dell'East Anglia, ha espresso una nota di cautela:

"Avremmo bisogno di studi condotti adeguatamente per dimostrare il valore dei vaccini orali", ha affermato. "Ma rappresentano comunque una risorsa da studiare, soprattutto per chi rifiuterebbe la vaccinazione tramite ago, per motivi di accettabilità e di distribuzione”.

I dati sul vaccino Oravax non sono stati pubblicati fino ad oggi. "I risultati degli studi sugli animali sono incoraggianti", ha detto Hunter a Insider. "Ma non bisogna illudersi che i risultati sugli animali si traducano sempre in risultati sull'uomo".

Altri tipi di vaccini di seconda generazione sono in fase di studio, come i vaccini somministrati mediante uno spray nasale, o tramite cerotti per via intradermica.

Anche la professoressa Sarah Gilbert, scienziata responsabile dello sviluppo del vaccino Oxford / AstraZeneca, ha affermato che Oxford sta valutando la possibilità di sviluppare compresse e vaccini orali con spray nasale, ha riferito l'Independent il 25 febbraio.

Un'altra azienda, l’ImmunityBio, sta conducendo studi clinici di fase 1 di una versione orale del vaccino. Tuttavia, questo sarebbe usato più come dose di richiamo per il vaccino intramuscolare, piuttosto che come vaccinazione primaria.

Purtroppo a oggi l'unico test di un vaccino orale per COVID-19 eseguito sugli esseri umani(Vaxart) non ha portato a dei risultati soddisfacenti nonostante avesse dimostrato efficacia nelle prove sugli animali.

 

Fonte: INSIDER

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Logo Ambimed
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT