In soli cinque giorni un aumento di un milione di casi COVID-19

Data pubblicazione: 17/07/2020
Categoria: Covid-19 - Autore: Beatrice Formenti

In soli cinque giorni un aumento di un milione di casi COVID-19

Ad oggi la pandemia ha causato più di mezzo milione di vittime, in soli sei mesi.

Il Direttore dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) Tedros Adhanom Ghebreyesus ha affermato che non ci sarà alcun ritorno alla "vecchia normalità" per il prossimo futuro, soprattutto se le misure preventive saranno trascurate.

"Lasciatemi essere franco, troppi paesi stanno andando nella direzione sbagliata, il virus rimane il nemico pubblico numero uno" - ha allarmato duramente - “Se le raccomandazioni preventive non vengono seguite, la pandemia andrà avanti e peggiorerà sempre di più."

Le Americhe rappresentano più della metà delle infezioni mondiali e metà dei decessi. Altre parti del mondo, stanno ancora registrando aumenti esponenziali nella prima ondata di infezioni, mentre altri "appiattiscono la curva" e facilitano i blocchi.

Alcune aree, come la città australiana di Melbourne e Leicester, in Inghilterra, stanno attuando un secondo periodo di lockdown. 

Hong Kong, seppur con 1.522 casi, sta inasprendo le misure di distanziamento sociale tra le crescenti preoccupazioni per la terza ondata. 

Anche la Spagna, che è stato uno dei paesi europei più colpiti dal coronavirus, il mese scorso ha revocato il confinamento a livello nazionale, quando la pandemia sembrava aver preso il controllo.

In Brasile, 1,86 milioni di persone sono risultate positive, tra cui il presidente Jair Bolsonaro, e sono decedute più di 72.000 persone.

Gli Stati Uniti hanno riportato un record globale giornaliero di 69.070 nuove infezioni il 10 luglio. Lo stato della Florida ha registrato un aumento record di oltre 15.000 nuovi casi in 24 ore domenica, più del totale della Corea del Sud da quando la malattia è stata identificata per la prima volta alla fine dello scorso anno. Solo nella giornata di lunedì ha registrato altri 12.624 nuovi casi.

Nonostante il continuo aumento dei casi, il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, e funzionari della Casa Bianca hanno ripetutamente affermato che la malattia è sotto controllo e che le scuole dovranno riaprire in autunno. Il capo delle emergenze dell’OMS Mike Ryan ha, di contro, esortato i paesi a non trasformare le scuole in "un’altra partita politica", dicendo che le scuole potranno riaprire in sicurezza una volta che il virus sarà soppresso.

L'India, il paese con il terzo numero più alto di infezioni, ha lottato con una media di 23.000 nuove infezioni ogni giorno dall'inizio di luglio. Nei paesi con capacità di test limitata, i numeri dei casi riflettono una percentuale inferiore di infezioni totali, ma gli esperti affermano che i dati ufficiali probabilmente rappresentano una sottostima di casi e decessi.

Dopo che i primi casi sono stati segnalati in Cina a inizio 2020, ci sono voluti tre mesi per raggiungere un milione di casi, ma ci sono voluti solo cinque giorni per passare da 12 a 13 milioni.

Fonte: Reuters

Progettazione e realizzazione del sito a cura di TECNASOFT
Seguici anche su