Lo Sri Lanka ha eliminato il morbillo grazie alle vaccinazioni

Data pubblicazione: 25/07/2019
Categoria: Ultime notizie - Autore: Staff Ambimed

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha annunciato che lo stato asiatico Sri Lanka ha eliminato il morbillo, grazie all’ottenimento dell’interruzione della trasmissione del virus.
Lo Sri Lanka ha eliminato il morbillo grazie alle vaccinazioni

"Il successo dello Sri Lanka arriva in un momento in cui i casi di morbillo a livello mondiale stanno aumentando. Il successo del Paese dimostra l’impegno e la determinazione delle scelte politiche dei genitori per proteggere i bambini dal morbillo", ha affermato il Dott. Poonam Khetrapal Singh, Direttore regionale dell'OMS Sud-Est asiatico, congratulandosi con la nazione.

L’ultimo caso di morbillo registrato nel paese è stato nel maggio 2016. Negli ultimi tre anni si sono verificati solo casi sporadici, tutti importati.

Il traguardo è stato possibile grazie al raggiungimento della massima copertura vaccinale (95%), con 2 dosi di vaccino anti morbillo e anti rosolia, forniti dal Programma Nazionale.

Una notizia ottima e rassicurante per il bene della salute pubblica.

In Italia, invece, dal 1 gennaio al 31 maggio 2019 sono stati registrati ben 1096 casi di morbillo, il 32% dei quali ha presentato almeno una complicanza.

http://www.searo.who.int/mediacentre/releases/2019/1712/en/

 

IL MORBILLO

 

Il morbillo è una malattia infettiva molto contagiosa dovuta al morbillivirus, della famiglia dei Paramixovidae. E’ trasmessa tramite goccioline di saliva presenti nelle secrezioni di naso e gola.
E’ comunemente definita come malattia infantile, in quanto generalmente si contrae tra il primo e il terzo anno di vita. Una volta contratto, il morbillo conferisce una immunità teoricamente definitiva.
I classici sintomi comprendono febbre, congiuntivite e faringite, seguiti da un'eruzione cutanea che da dietro le orecchie si diffonde per tutto il corpo. Il morbillo può causare complicanze, anche gravi, soprattutto nei bambini sotto i cinque anni e nelle persone che hanno più di vent'anni.
Le complicazioni sono dovute principalmente a superinfezioni batteriche, come otite, laringite, polmonite o encefaliti; la malattia causa tra le 30 e le 100 morti ogni 100.000 persone colpite.

 

ESISTE UN VACCINO DISPONIBILE?

 

Sì.

Il vaccino è disponibile in forma trivalente per l’immunizzazione contro il morbillo, la rosolia, la parotite (MPR) o in forma tetravalente per l’immunizzazione contro il morbillo, la rosolia, la parotite e la varicella (MPRV). Il vaccino è costituito da virus vivi attenuati, cioè inoffensivi, che stimolano le difese dell'organismo senza provocare la malattia.

Nel 1999 la vaccinazione MPR è stata inclusa nel calendario nazionale, con indicazioni per la somministrazione della prima dose a bambini di età pari o superiore ai 12 mesi, che devono ricevere due dosi di vaccino MMR separate da almeno 28 giorni.

Anche gli adolescenti e gli adulti che non hanno evidenza di immunità contro il morbillo dovrebbero ottenere due dosi di vaccino MMR separate da almeno 28 giorni.

Fonte: http://www.epicentro.iss.it/morbillo/morbillo

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT