Redazionale

Lo stato di New York dichiara emergenza Polio

Data pubblicazione: 14/09/2022 - Ultimo aggiornamento: 15/09/2022
Categoria: Alert sanitari - Autore: Staff Ambimed

Lo stato di New York dichiara emergenza Polio

Kathy Hochul, governatrice dello stato di New York, ha dichiarato venerdì scorso lo stato di emergenza nell’intero stato dopo che è stato confermato il primo caso in 10 anni a luglio ed è stata individuata la presenza del virus in 57 campioni raccolti tra maggio e agosto.

L’obiettivo è convincere la popolazione a vaccinarsi il prima possibile, riportando il tasso di immunizzazione, che ora è a un preoccupante 79%, sopra la soglia di sicurezza del 90%. Sebbene sia fondamentale estrema prudenza nell’intero stato, il rischio è massimo nelle contee di Rockland (dove il tasso di vaccinazione è al 60%), Orange (58%), Sullivan (62%) e Nassau (79%). Per questo motivo è stata avviata una campagna vaccinale straordinaria che allarga il numero di figure autorizzate a somministrare le dosi anche a farmacie e pronto soccorso.

Alla popolazione è stato consigliato di verificare il proprio stato vaccinale e portare al termine il ciclo di quattro dosi, mentre è consigliato un richiamo a tutte le persone che hanno contatti con casi confermati o sospetti, agli operatori sanitari e ai lavoratori che potrebbero entrare in contatto con acque reflue.

La poliomielite

Una malattia che fa paura, la polio è causata da un virus che si replica nell’intestino ma può penetrare tramite i vasi sanguigni fino al sistema nervoso. Provoca generalmente febbre, dolori muscolari, mal di testa e vomito, ma può causare nei casi più gravi la paralisi (tipicamente degli arti inferiori) e decesso se la paralisi colpisce anche i muscoli respiratori.

La trasmissione avviene per via oro-fecale, tipicamente in seguito all’ingestione di cibi e bevande contaminati, o tramite il contatto diretto con droplets, feci e urine di infetti. In assenza di terapie efficaci contro la malattia, l’arma migliore per combatterla è il vaccino, che oltre a essere estremamente sicuro ha dato la possibilità, grazie alla campagna avviata nel 1988, di eradicare la poliomielite in larga parte del mondo.


Fonti:

Trovi questo articolo interessante? Condividilo sui social
Progettazione e sviluppo a cura di TECNASOFT