Un'altra buona notizia: dati promettenti dal vaccino Moderna

Data pubblicazione: 17/11/2020
Categoria: Covid-19 - Autore: Staff Ambimed

Un

Il vaccino di Moderna, sviluppato in collaborazione con l'istituto di Fauci, è in fase di sperimentazione su un campione di 30.000 persone. La metà di questi ha ricevuto due dosi di vaccino e l'altra metà un placebo. Per testare l'efficacia del vaccino, i medici hanno monitorato attentamente i casi sviluppati di malattia Covid-19 tra il campione.

Dei 95 casi diagnosticati di covid-19, 90 erano nel gruppo che ha ricevuto il placebo. Sono stati segnalati 11 casi gravi, tutti in persone che hanno ricevuto il placebo.

I risultati preliminari sembrano davvero promettenti, nonostante i dati non siano stati ancora pubblicati o sottoposti a revisione e l'efficacia complessiva del vaccino potrebbe cambiare man mano che lo studio continua. Una commissione dati indipendente, convocata dal National Institutes of Health, ha analizzato i risultati domenica mattina.

Moderna si è impegnata a completare la sua sperimentazione prima di richiedere l'autorizzazione per l'uso di emergenza, il che significa aspettare fino a quando non ci saranno 151 casi di covid-19 nello studio. Una precedente proiezione ha mostrato che il processo potrebbe concludersi all'inizio del prossimo anno. Però si prevede che lo studio raggiunga il suo endpoint tra sette e dieci giorni, ha dichiarato Bancel, amministratore delegato di Moderna. L'esplosione di casi di virus si traduce in una rapida capacità di accertare se un vaccino funziona.

Gli effetti collaterali del vaccino a due dosi erano per lo più lievi o moderati, inclusi dolore al sito di iniezione, affaticamento, mal di testa e dolore muscolare, secondo il comunicato stampa dell'azienda.

I regolatori della Food and Drug Administration (FDA) devono rivedere le prove per i vaccini Moderna e Pfizer, ma la robusta indicazione iniziale di successo suggerisce che entrambi i vaccini potrebbero essere disponibili per le popolazioni ad alto rischio prima della fine di quest'anno.

Fauci ha previsto che persone come gli operatori sanitari o le persone con condizioni di aumentato rischio di sviluppare malattie gravi potrebbero iniziare a ricevere le dosi prima della fine dell'anno. Potrebbero essere necessari circa quattro mesi per vaccinare le persone in gruppi ad alto rischio e ad aprile il vaccino potrebbe estendersi al resto della popolazione.

L'attenzione sui vaccini si sposterà ora sulla scoraggiante logistica della produzione e della distribuzione.

Il vaccino Pfizer richiede condizioni di conservazione ultra-fredde meno 70 gradi Celsius, mentre Moderna ha annunciato lunedì che il suo vaccino può essere stabile alle temperature del frigorifero per un mese e congelato fino a sei mesi. Non richiederà la diluizione al punto di cura, a differenza del vaccino Pfizer.

Fonte: The Washington Post

Progettazione e realizzazione del sito a cura di TECNASOFT
Seguici anche su